• Commodities alimentari, a novembre lieve calo dei prezzi

    Print

    Scendono quotazioni dei prodotti lattiero-caseari, stabili quelle delle carni, in rialzo quelle dei cereali

    Supermercato carne %c2%a9 joshhh   fotolia

    A novembre i prezzi delle commodities alimentari hanno registrato una lieve flessione, a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, che hanno compensato il forte aumento delle quotazioni dello zucchero e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), sottolineando che l’Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su un valore medio di 175,8 punti, registrando un calo dello 0,5% rispetto al mese di ottobre, ma restando su livelli superiori del 2,3% rispetto a novembre 2016.

    La Fao precisa che la flessione di novembre è stata determinata principalmente dal calo del 4,9% dell'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, dovuto alla riduzione delle quotazioni del burro, del formaggio, del latte intero, di quello scremato e di quello in polvere.

    L'Indice Fao dei prezzi delle carni è invece rimasto sostanzialmente stabile: l'aumento dei listini della carne bovina è stato compensato dal calo delle quotazioni della carne suina.

    A novembre l'Indice Fao dei prezzi dei cereali ha registrato un lieve aumento, dovuto principalmente al rialzo dell'1,1% delle quotazioni internazionali di riso.

    L'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è salito del 4,5%, soprattutto grazie al calo delle esportazioni dal Brasile e alle preoccupazione relative al fatto che i prezzi stabili del petrolio possano determinare una maggiore produzione, che potrebbe essere impiegata per produrre etanolo.

    Infine, l'Indice Fao degli oli vegetali è salito dell'1,2% rispetto a ottobre, grazie all'aumento dei listini dell'olio di soia. I valori dell'olio di palma sono invece diminuiti, a causa dei livelli di scorte più elevati del previsto in Malesia.

    Foto: © Joshhh - Fotolia

    red. 18-12-2017 Tag: faomaterie primecerealicarneprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Usda, stabili i prezzi di soia e mais

    A metà stagione il prezzo medio della soia dovrebbe attestarsi tra i 9,10 e i 9,50 dollari per bushel, mentre quello del mais trai 3,20 e i 3,50 dollari per bushel. Lo evidenzia il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui i...

    18-04-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita anche a marzo

    I prezzi delle materie prime alimentari sono aumentati per il secondo mese consecutivo, grazie al forte incremento delle quotazioni di cereali e latticini. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao),...

    15-04-2018
  • Usa: mais destinato all’export è di qualità elevata

    La qualità del mais statunitense destinato alle esportazioni è elevata. Lo evidenzia il rapporto: “Corn export cargo quality report” pubblicato dall’ U.S. Grains council (Usgc), secondo cui il cereale prodotto negli Stati Uniti...

    13-04-2018
  • Il segreto genetico delle spighe di grano e il futuro delle rese produttive

    Identificato il gene che regola la forma e la dimensione delle spighe di grano. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista The Plant Cell da un gruppo di ricerca britannico-australiano coordinato da Scott Andrew Boden del John Innes Center di...

    11-04-2018
  • Giornata del Mais 2018: un documento tecnico per affrontare le criticità della filiera maidicola

    Convegno "Giornata del Mais 2018", Bergamo 26 gennaio Anche per il 2018, il tradizionale Convegno la "Giornata del Mais", giunto alla XIX Edizione, si è svolto nel mese di gennaio a Bergamo presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e...

    10-04-2018