• Commodities alimentari, a novembre lieve calo dei prezzi

    Print

    Scendono quotazioni dei prodotti lattiero-caseari, stabili quelle delle carni, in rialzo quelle dei cereali

    Supermercato carne %c2%a9 joshhh   fotolia

    A novembre i prezzi delle commodities alimentari hanno registrato una lieve flessione, a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, che hanno compensato il forte aumento delle quotazioni dello zucchero e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), sottolineando che l’Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su un valore medio di 175,8 punti, registrando un calo dello 0,5% rispetto al mese di ottobre, ma restando su livelli superiori del 2,3% rispetto a novembre 2016.

    La Fao precisa che la flessione di novembre è stata determinata principalmente dal calo del 4,9% dell'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, dovuto alla riduzione delle quotazioni del burro, del formaggio, del latte intero, di quello scremato e di quello in polvere.

    L'Indice Fao dei prezzi delle carni è invece rimasto sostanzialmente stabile: l'aumento dei listini della carne bovina è stato compensato dal calo delle quotazioni della carne suina.

    A novembre l'Indice Fao dei prezzi dei cereali ha registrato un lieve aumento, dovuto principalmente al rialzo dell'1,1% delle quotazioni internazionali di riso.

    L'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è salito del 4,5%, soprattutto grazie al calo delle esportazioni dal Brasile e alle preoccupazione relative al fatto che i prezzi stabili del petrolio possano determinare una maggiore produzione, che potrebbe essere impiegata per produrre etanolo.

    Infine, l'Indice Fao degli oli vegetali è salito dell'1,2% rispetto a ottobre, grazie all'aumento dei listini dell'olio di soia. I valori dell'olio di palma sono invece diminuiti, a causa dei livelli di scorte più elevati del previsto in Malesia.

    Foto: © Joshhh - Fotolia

    red. 18-12-2017 Tag: faomaterie primecerealicarneprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • UE, previsto aumento produzione cereali entro 2030

    L’incremento della domanda di mangimi dovrebbe favorire la crescita della produzione europea di cereali, che entro il 2030 dovrebbe raggiungere i 341 milioni di tonnellate. È quanto emerge dal rapporto “E.U. agricultural outlook – For...

    19-01-2018
  • Usa: cresce produzione di mais, diminuisce quella di soia

    Nonostante il calo delle superfici destinate alla coltivazione del mais negli Usa, la produzione statunitense del cereale ha raggiunto valori record, superando di 26 milioni di bushel le previsioni effettuate il mese scorso. Lo evidenzia il rapporto “World...

    18-01-2018
  • Materie prime alimentari, a dicembre quotazioni in ribasso

    Nel mese di dicembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti del 3,3%, soprattutto a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Tuttavia, nel corso del 2017 sono aumentati, in media, dell'8,2% rispetto al 2016....

    17-01-2018
  • Usda, calo previsioni su carryover di grano e soia statunitensi

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) nel rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimates”, pubblicato il 12 dicembre, ha alzato del 3% le previsioni riguardanti il riporto da esercizi precedenti (carryover) del grano...

    15-12-2017
  • Fao: paesi in via di sviluppo dipendenti da materie prime devono cambiare politiche

    I paesi in via di sviluppo dipendenti dalle materie prime devono diversificare le loro economie, altrimenti non saranno in grado di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030. È quanto emerge dal rapporto: “Commodities and...

    14-12-2017