Victam
  • Usda, calo previsioni su carryover di grano e soia statunitensi

    Print

    Aumentano stime su riporto da esercizi precedenti del mais

    Agricoltura cereali mangimi %c2%a9 branex   fotolia.com

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) nel rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimates”, pubblicato il 12 dicembre, ha alzato del 3% le previsioni riguardanti il riporto da esercizi precedenti (carryover) del grano statunitense per il 2018, rispetto alle previsioni del mese di novembre. L’aumento sarebbe dovuto alla riduzione delle stime sulle esportazioni. Inoltre, l’Usda ha rivisto al rialzo anche le previsioni per il carryover della soia, sempre a causa del calo delle previsioni sull’export, mentre ha diminuito le stime sul carryover del mais, sulla base del maggiore impiego del cereale per la produzione di etanolo.

    Il Dipartimento prevede che il riporto da esercizi precedenti di tutto il grano dovrebbe raggiungere i 960 milioni di bushel entro il 1° giugno 2018 a, registrando un aumento di 25 milioni di bushel rispetto alla previsione di 935 milioni di bushel formulata a novembre. Questo cambiamento sarebbe dovuto a una riduzione delle stime sulle esportazioni pari a 25 milioni di bushel. Tutte le altre previsioni riguardanti il mercato di questo cereale nella campagna 2017-18 sono rimaste invariate, così come le stime riguardanti la campagna 2016-17, in cui il carryover riportato nel 2017 è stato di 1.181 milioni di bushel. “Questa riduzione è principalmente dovuta all'incremento della concorrenza canadese che ci si aspetta dall'aumento delle forniture esportabili - hanno scritto gli esperti dell'Usda nel rapporto -. Il Canada e gli Stati Uniti competono in molti mercati dell’America Latina e dell’Asia orientale”.

    L’Usda precisa che il riporto da esercizi precedenti della soia dovrebbe essere pari a 445 milioni di bushel entro il 1° settembre 2018, registrando un aumento delle previsioni rispetto a novembre di 20 milioni di bushel. Il rialzo sarebbe dovuto al fatto che l’incremento di 5 milioni di bushel nell'uso dei semi è stato più che compensato dalla riduzione di 25 milioni di bushel delle stime sulle esportazioni, pari a 2,225 milioni di bushel. Tutte le altre previsioni relativa alla campagna 2017-18 e le stime per la campagna 2016-17 sono rimaste invariate. Il riporto da esercizi precedenti nel 2017 è stato di 301 milioni di bushel.

    Secondo il Dipartimento statunitense, il carryover del mais dovrebbe raggiungere i 2.437 milioni di bushel entro il 1° settembre 2018, riportando un calo di 50 milioni di bushel o del 2% rispetto alle previsioni di novembre. Tuttavia, registrerebbe anche un rialzo del 6% rispetto ai 2.295 milioni di bushel del 2017. Il calo sarebbe stato determinato dall’aumento dell’uso del mais per la produzione di etanolo, pari a 50 milioni di bushel. “Il mais usato per produrre etanolo è aumentato di 50 milioni di bushel, a causa delle maggiori difficoltà di esportare il sorgo - si legge nel documento -. Anche gli ultimi dati del rapporto ‘Grain Crushings and Co-products Production’ stimano l’utilizzo di un quantitativo inferiore di sorgo nella produzione di etanolo nel mese di ottobre”.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    red. 15-12-2017 Tag: USDAmercatosoiamaisgranocereali
Articoli correlati
  • Mais: prezzi in aumento, ma possibili influenze da politiche commerciali internazionali

    Negli ultimi mesi i prezzi del mais sono saliti, ma potrebbero subire un brusco calo a causa di eventuali turbolenze commerciali. Lo evidenzia un articolo pubblicato su World Grain, secondo cui le quotazioni del cereale potrebbero essere significativamente...

    23-01-2019
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per...

    18-01-2019
  • Carni bovine, mercato europeo mostra incertezze

    Nonostante la tenuta dei consumi, il mercato europeo delle carni bovine presenta numerose incertezze. Lo rivela il rapporto: “Tendenze bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    14-01-2019
  • Materie prime, tensioni geopolitiche condizionano il mercato

    La tregua sancita tra Stati Uniti e Cina nella cosiddetta “guerra dei dazi” sta influenzando positivamente i mercati. Lo evidenzia il rapporto “World Agricultural Supply and Demand Estimates” di dicembre pubblicato dal Dipartimento...

    09-01-2019
  • Stati Uniti: il maggiore fornitore di soia in Europa

    Gli Stati Uniti sono diventati il principale esportatore di soia in Europa, superando il Brasile. Lo afferma lo U.S. Soybean Export Council (Ussec), come riporta il sito World Grain, secondo cui a partire dal 1° settembre le vendite della soia e dei semi di...

    05-01-2019