• Agroalimentare, export raggiunge livelli record nel periodo gennaio-settembre 2017

    Print

    Registrata riduzione del deficit della bilancia commerciale agroalimentare

    Mercato ortofrutta

    Le esportazioni dei prodotti agroalimentari made in Italy hanno segnato un nuovo record nei primi nove mesi del 2017: hanno registrato un aumento, in valore, del 6,4% su base annua, e raggiunto i 28 miliardi di euro. Lo sostiene il rapporto: “La bilancia commerciale agroalimentare nazionale gennaio-settembre 2017” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui a fine anno l’export dovrebbe superare la soglia dei 40 miliardi di euro.

    Crescita export alimentare e agricolo – L’Ismea precisa che la crescita delle vendite all’estero è dovuta soprattutto all’incremento del 7,1% dell’export dell'industria alimentare, che rappresenta oltre l'80% delle esportazioni del comparto. Ma è cresciuto del 3,3% anche l'export agricolo, che ha raggiunto i 5,1 miliardi di euro. Parallelamente, sono cresciute anche le importazioni di prodotti agroalimentari, ma a un tasso più contenuto rispetto all'export (+5,3% annuo), attestandosi a poco più di 33,3 miliardi di euro.

    Bilancia commerciale - Nei primi nove mesi del 2017 si è registrata una riduzione del deficit della bilancia commerciale agroalimentare di 114 milioni di euro rispetto all'anno precedente. Il merito del miglioramento del saldo va ricondotto all'industria alimentare che ha sfiorato i 2 miliardi di surplus, aumentando di 441 milioni di euro su base annua. Il settore agricolo, invece, ha registrato un disavanzo superiore a 5,5 miliardi di euro, in peggioramento di 328 milioni di euro rispetto ai primi nove mesi del 2016.

    Mercati di sbocco - I principali mercati di sbocco dei prodotti agroalimentari italiani continuano a essere quelli dell’Unione Europea: con 19,4 miliardi di euro nei primi nove mesi dell’anno (+5% su base tendenziale), le esportazioni verso gli altri Stati membri hanno costituito oltre il 65% del valore complessivo dell’export di questi prodotti. L’aumento è stato registrato per tutte le principali destinazioni, anche se il tasso di crescita appare più contenuto per le spedizioni verso la Germania (+0,8%) e il Regno Unito (+1,7%), mentre ha registrato un incremento rilevante sul mercato spagnolo (+12%). Nei primi nove mesi del 2017 sono cresciute di oltre il 9,2% (rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso) anche le esportazioni dirette verso i paesi extra-Ue, che hanno raggiunto i 10,4 miliardi di euro. Gli incrementi più rilevanti sono stati registrati dalle vendite in Giappone (+39,5% per un valore pari a 941 milioni di euro), Russia (+30,6% per 364 milioni di euro) e Cina (+17,3% per 312 milioni di euro).

    redazione 05-01-2018 Tag: exportagroalimentareIsmeamade in Italy
Articoli correlati