• Agroalimentare, cresce l’export dei prodotti europei

    Print

    In calo le vendite del grano nei paesi extra-UE. Aumentano le importazioni di cereali e semi oleosi

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Anche nel mese di ottobre le esportazioni dei prodotti agroalimentari europei hanno mantenuto un valore elevato, pari a 12,3 miliardi di euro. Lo evidenzia un rapporto elaborato dalla Commissione Europea e riportato dalla rivista World Grain, secondo cui le performance del settore sarebbero rimaste positive nonostante il calo delle vendite del grano, le cui perdite si aggirano tra i 75 e i 216 milioni di euro.

    Export - Secondo il rapporto, tra ottobre 2016 e ottobre 2017 le esportazioni dei prodotti agroalimentari europei hanno raggiunto un valore di 137,4 miliardi di euro, registrando un aumento del 5,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Sono invece diminuite quelle del grano e di altri cereali, che hanno riportato un calo su base annua pari rispettivamente a 1,8 miliardi di euro e a 400 milioni di euro. I principali mercati di sbocco dei prodotti agroalimentari europei sono stati la Russia, gli Stati Uniti, la Cina, il Giappone e la Corea. Sono invece rimaste basse le vendite nei paesi del Nord Africa e del Medio Oriente, in particolare in Arabia Saudita, Egitto, Algeria e Marocco. Inoltre, negli ultimi 12 mesi l’export verso il Vietnam, la Libia e gli Emirati Arabi Uniti è diminuito.

    Import - Per quanto riguarda le importazioni, lo scorso ottobre gli acquisti dei prodotti agroalimentari hanno raggiunto un valore di 9,6 miliardi di euro. In particolare, rispetto al mese di ottobre 2016, le importazioni dei semi oleosi e dei cereali (diversi dal grano e dal riso) hanno registrato un aumento significativo, pari a 127 milioni di euro. L’Europa ha acquistato prodotti agroalimentari principalmente dal Brasile, dagli Stati Uniti e dall'Argentina, ma anche da Ucraina, Cina, Indonesia, Svizzera e Turchia.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    red. 10-01-2018 Tag: agroalimentareexportimportazioniUE
Articoli correlati
  • Fefac: le sfide del comparto mangimistico europeo per il 2018

    Nel 2018 il comparto europeo dei mangimi dovrà affrontare numerose sfide, tra cui il problema della carenza di vitamine, la futura politica europea in materia di proteine, l’immagine pubblica del comparto e il ruolo dell’industria mangimistica...

    14-01-2018
  • I numeri della soia per gennaio 2018

    Nel mese di gennaio 2018 il prezzo della soia statunitense dovrebbe restare contenuto, nonostante la riduzione delle scorte del legume. Lo evidenzia un rapporto del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) illustrato dal sito Successful Farming,...

    09-01-2018
  • Agroalimentare, export raggiunge livelli record nel periodo gennaio-settembre 2017

    Le esportazioni dei prodotti agroalimentari made in Italy hanno segnato un nuovo record nei primi nove mesi del 2017: hanno registrato un aumento, in valore, del 6,4% su base annua, e raggiunto i 28 miliardi di euro. Lo sostiene il rapporto: “La bilancia...

    05-01-2018
  • Petfood, siglato accordo italo-cinese su export

    L’Italia e la Cina hanno siglato un accordo relativo all’esportazione di petfood made in Italy nel Paese asiatico. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che le autorità cinesi hanno accettato l’elenco degli stabilimenti...

    27-12-2017
  • Cina: rimosso bando sulla carne bovina italiana

    Dopo oltre 16 anni, le autorità cinesi hanno disposto la rimozione del bando sulla carne bovina italiana. Ad annunciarlo sono stati il Ministero dell’agricoltura cinese e l’Amministrazione per il controllo della qualità,...

    20-12-2017