• I numeri della soia per gennaio 2018

    Print

    Negli Usa il calo delle esportazioni mantiene bassi i prezzi del legume

    Soia %c2%a9 dusan kostic   fotolia

    Nel mese di gennaio 2018 il prezzo della soia statunitense dovrebbe restare contenuto, nonostante la riduzione delle scorte del legume. Lo evidenzia un rapporto del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) illustrato dal sito Successful Farming, secondo cui lo stallo delle quotazioni sarebbe dovuto al calo delle esportazioni dei semi di soia prodotti negli Usa.

    Secondo il rapporto, nel primo mese del 2018 i contratti sono stati chiusi a 9,51¾ dollari, ossia 44¾ centesimi in meno rispetto alla cifra registrata nel mese di gennaio 2017. L’Usda prevede che nell'anno in corso il numero delle scorte finali dovrebbe attestarsi a 445 milioni di bushel, e che quelle da utilizzare saranno il 10,3%. Si tratta di un numero inferiore a quello registrato lo scorso anno, quando le stime sulle scorte erano pari a 480 milioni, e quelle da utilizzare raggiungevano l'11,7%.

    In teoria, la riduzione delle scorte dovrebbe tradursi nell’aumento dei prezzi, ma attualmente questo non sta accadendo. L’Usda precisa che le quotazioni restano contenute a causa della riduzione delle esportazioni della soia statunitense. In generale, l’obiettivo dei produttori nordamericani è quello di esportare 2.225 miliardi di bushel del legume all’anno. Tuttavia, il Dipartimento prevede che quest’anno le vendite all’estero dovrebbero essree inferiori del 14% rispetto all’anno scorso e che dovrebbero fermersi a 1.489 miliardi di bushel. Il calo delle esportazioni dovrebbe essere dovuto principalmente alla riduzione dell’acquisto di soia estera da parte della Cina, che è stato disposto dalle autorità cinesi con una direttiva entrata in vigore lo scorso 1° gennaio.

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia

    red. 09-01-2018 Tag: soiaUSDAexportCina
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Ministero della Salute, riavviato l’export di seme bovino e bufalino per la Cina

    Dopo otto anni l’Italia può tornare a esportare seme bovino e bufalino in Cina. Dall’8 luglio le ditte autorizzate da Pechino possono tornare a operare sul mercato asiatico. L’interruzione era stata decisa a seguito della scoperta del...

    11-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019