• Materie prime alimentari, a dicembre quotazioni in ribasso

    Print

    Ma nel corso del 2017 sono aumentate per quasi tutte le categorie

    Mercato ortofrutticolo

    Nel mese di dicembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti del 3,3%, soprattutto a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Tuttavia, nel corso del 2017 sono aumentati, in media, dell'8,2% rispetto al 2016. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che a dicembre l'Indice dei prezzi alimentari della Fao si è attestato a 169,8 punti, il 3,3% in meno rispetto a novembre. Ma nel 2017 ha registrato una media di 174,6 punti, riportando un aumento dell'8,2% rispetto al 2016 e conseguendo la media annuale più alta a partire dal 2014.

    L'Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari a dicembre è diminuito del 9,7%. Il livello di esportazioni è stato alto, ma la domanda contenuta ha gravato sui prezzi internazionali del latte intero, di quello scremato in polvere, del formaggio e del burro. Tuttavia, la Fao sottolinea che nel 2017 il valore di questo indice è aumentato del 31,5% rispetto all'anno precedente.

    A dicembre è diminuito leggermente anche l'Indice Fao dei prezzi della carne, a causa della riduzione dei prezzi internazionali della carne bovina. Anche in questo caso, però, il valore medio delle quotazioni è stato superiore del 9% rispetto al 2016.

    L'Indice Fao dei prezzi dei cereali, invece, è rimasto sostanzialmente stabile per il terzo mese consecutivo. Le quotazioni dei prezzi internazionali del grano sono diminuite, mentre quelle del mais e del riso sono cresciute. Nel 2017 l'indice è stato superiore del 3,2% rispetto al 2016, anche se è rimasto più basso del 37% rispetto al picco raggiunto nel 2011.

    L'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è diminuito del 5,6% rispetto a novembre. I listini dell'olio di palma sono crollati a causa delle ampie scorte in Malesia e Indonesia, e questo ha avuto ripercussioni sulle quotazioni dell'olio di soia. Nel corso del 2017, l’indice è comunque aumentato del 3% rispetto all'anno precedente.

    Infine, l'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è diminuito del 4,1% a dicembre, a causa di fattori stagionali e delle aspettative di un notevole surplus nel prossimo anno. In questo caso nel 2017 i prezzi medi dello zucchero sono stati inferiori dell'11,2% rispetto al 2016, a causa soprattutto di un raccolto eccezionale in Brasile, il principale produttore mondiale.

    redazione 17-01-2018 Tag: materie primeprezzifaocerealicarneprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Carne, continuano a crescere i consumi in Italia

    La crisi dei consumi di carne bovina sembra andare verso la risoluzione. Dopo i risultati incoraggianti della fine dello scorso anno, i primi tre mesi del 2018 confermano il buon andamento. Lo riferisce l'Ismea, l'Istituto di Servizi per il mercato agricolo...

    20-05-2018
  • Carne, in Europa produzione stabile

    La stabilità ha caratterizzato il mercato della carne bovina in Europa. Nel 2017 – come rilevato dall'Ismea, l'Istituto di Servizi per il mercato agricolo alimentare – il livello di produzione è lievemente sceso dello 0,4%. Tuttavia i...

    18-05-2018
  • Latte, diminuiscono i prezzi per gli allevatori

    Quotazioni in calo per il latte italiano in un mercato lattiero-caseario sotto tensione. A marzo il prezzo medio percepito dagli allevatori italiani è sceso infatti di 3 euro rispetto alla fine dello scorso anno. A riferirlo è l'Ismea, l'Istituto...

    15-05-2018
  • International Grains Council: in aumento produzione globale di cereali

    L'International Grains Council (Igc) prevede che nella stagione 2018-19 la produzione globale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.088 miliardi di tonnellate. Come riporta la rivista World Grain, si tratta di un ammontare superiore ai 2.087 miliardi di tonnellate...

    10-05-2018
  • Fao, il commercio mondiale al servizio dell'alimentazione umana

    Riscrivere le regole del commercio internazionale per sostenere l'import/export di cibi salutari e nutrienti piuttosto che semplicemente di quelli più economici ora che la minaccia dell'obesità globale incombe al pari della fame nel mondo. È...

    10-05-2018