• Prima riunione di Sorghum ID: promuovere produzione europea di sorgo

    Print
    Sorgo

    Il 18 gennaio 2018 si è tenuta a Parigi la prima riunione di “Sorghum ID”, la nuova organizzazione interprofessionale che si prefigge di promuovere la produzione e l'uso del sorgo nell'Unione Europea. Lo comunica Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), precisando che durante questo primo incontro sono stati evidenziati i punti di forza e di debolezza del sorgo come ingrediente per i mangimi.

    Sorghum ID è costituita da 25 membri: cinque organizzazioni europee della catena produttiva del sorgo e 20 organizzazioni e aziende situate in 6 paesi europei. In occasione della prima riunione è stato eletto Presidente Daniel Peyraube della Cepm (European maize producers organisation), mentre Fefac ed Esa (European Seed Associations) sono stati nominati Vicepresidenti.

    Durante l’incontro Fefac ha illustrato le principali caratteristiche dell'industria mangimistica europea. Ha poi sottolineato che, sebbene il sorgo non sia stato utilizzato in modo significativo nell’UE per produrre alimenti per animali, possiede alcune proprietà interessanti come la bassa incidenza di micotossine, lo scarso fabbisogno di acqua e pesticidi e una buona resa. Queste caratteristiche, secondo Fefac, lo rendono un'opzione interessante per permettere di affrontare le sfide che si pongono di fronte al settore agricolo e zootecnico europeo, in particolare la crescente diffusione delle micotossine tra le piantagioni di cereali nell'Europa sudorientale e la generale sfida relativa alla sostenibilità.

    Nel corso della discussione, i membri hanno concordato sul fatto che il sorgo era associato a una brutta immagine: quella di raccolti ricchi di tannini. Ma le attuali varietà coltivate in Europa sono quasi prive di tannini. Inoltre, è stato trovato un accordo sulla possibilità di condurre ulteriori ricerche dirette a caratterizzare il valore nutrizionale di questo cereale.

    red. 23-01-2018 Tag: sorgomangimialimentazione animalemicotossinecerealiimpresaagricoltura
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • Fefac, pubblicato rapporto annuale 2017-2018

    Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), la federazione dei produttori europei di mangimi composti, ha pubblicato il documento: “Annual Report 2017-2018”, che descrive le iniziative messe in atto nel corso dell’ultimo anno e il punto di...

    06-08-2018
  • Efsa, definite le soglie di rame dietetico nei mangimi per i suini

    Il 23 luglio 2018 è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea l’aggiornamento dei livelli massimi di rame consentiti all’interno degli alimenti per animali. In linea con le raccomandazioni espresse dall'Autorità...

    01-08-2018
  • Corte di giustizia europea: genome editing come Ogm

    I prodotti ottenuti con l’editing genomico devono essere considerati organismi geneticamente modificati (Ogm) ed essere soggetti alle norme che li regolano: lo ha stabilito una sentenza della Corte di giustizia europea, che equipara la mutagenesi - un...

    28-07-2018
  • Fefac: bene accordo Ue-Usa su rafforzamento relazioni commerciali

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) accoglie con favore la dichiarazione congiunta dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, che annuncia il rafforzamento delle relazioni commerciali...

    28-07-2018