• Prima riunione di Sorghum ID: promuovere produzione europea di sorgo

    Print
    Sorgo

    Il 18 gennaio 2018 si è tenuta a Parigi la prima riunione di “Sorghum ID”, la nuova organizzazione interprofessionale che si prefigge di promuovere la produzione e l'uso del sorgo nell'Unione Europea. Lo comunica Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), precisando che durante questo primo incontro sono stati evidenziati i punti di forza e di debolezza del sorgo come ingrediente per i mangimi.

    Sorghum ID è costituita da 25 membri: cinque organizzazioni europee della catena produttiva del sorgo e 20 organizzazioni e aziende situate in 6 paesi europei. In occasione della prima riunione è stato eletto Presidente Daniel Peyraube della Cepm (European maize producers organisation), mentre Fefac ed Esa (European Seed Associations) sono stati nominati Vicepresidenti.

    Durante l’incontro Fefac ha illustrato le principali caratteristiche dell'industria mangimistica europea. Ha poi sottolineato che, sebbene il sorgo non sia stato utilizzato in modo significativo nell’UE per produrre alimenti per animali, possiede alcune proprietà interessanti come la bassa incidenza di micotossine, lo scarso fabbisogno di acqua e pesticidi e una buona resa. Queste caratteristiche, secondo Fefac, lo rendono un'opzione interessante per permettere di affrontare le sfide che si pongono di fronte al settore agricolo e zootecnico europeo, in particolare la crescente diffusione delle micotossine tra le piantagioni di cereali nell'Europa sudorientale e la generale sfida relativa alla sostenibilità.

    Nel corso della discussione, i membri hanno concordato sul fatto che il sorgo era associato a una brutta immagine: quella di raccolti ricchi di tannini. Ma le attuali varietà coltivate in Europa sono quasi prive di tannini. Inoltre, è stato trovato un accordo sulla possibilità di condurre ulteriori ricerche dirette a caratterizzare il valore nutrizionale di questo cereale.

    red. 23-01-2018 Tag: sorgomangimialimentazione animalemicotossinecerealiimpresaagricoltura
Articoli correlati
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per...

    18-01-2019
  • Pef, Fefac sostiene proposta della Commissione Europea

    In relazione alla possibile applicazione del Pef (Product environmental footprint - Impronta ambientale del prodotto), la Federazione dei produttori europei di mangimi composti Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha espresso il proprio sostegno alla...

    10-01-2019
  • Ingredienti dei mangimi, Iccf avvia consultazione pubblica

    L’International cooperation for convergence of technical requirements for the assessment of feed ingredients (Iccf) ha avviato una consultazione pubblica su due documenti: “Stability testing of feed ingredients” e “Sub-chronic oral...

    08-01-2019
  • Unione Europea, in calo produzione totale di cereali

    Nel 2018 la produzione europea di cereali dovrebbe attestarsi a 281,7 milioni di tonnellate. Secondo Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), dovrebbe quindi essere inferiore alle aspettative: nelle...

    13-12-2018
  • Ingredienti proteici per mangimi, entro 2024 mercato supererà 200 miliardi di dollari

    Nel 2017 il mercato degli ingredienti proteici per mangimi ha superato i 125 miliardi di dollari, e dovrebbe continuare a crescere: si stima che entro il 2024 si attesterà oltre i 200 miliardi di dollari. Lo rivela il rapporto: “Animal Feed Protein...

    12-12-2018