• Fieragricola, 130mila visitatori a Verona

    Print
    Fieragricola 2018   mostra

    La 113ª Fieragricola di Verona chiude con oltre 130mila visitatori, di cui il 15% esteri, consolidando il primato nazionale e confermandosi fra le rassegne più attrattive a livello europeo. Si rivela dunque vincente la formula della trasversalità e della verticalizzazione specializzata delle filiere, proiettate verso nuove frontiere dell’innovazione.
    Per quattro giorni l’intera filiera agricola, con oltre 1.000 aziende espositrici e 980 animali, si è data appuntamento a Verona: in tutto 10 i padiglioni occupati e quattro aree esterne, con oltre 57mila metri quadrati espositivi netti distribuiti su tutti i settori, dalla meccanica agricola, alla zootecnia, energie rinnovabili, sementi, agrofarmaci, vigneto e frutteto, fino alla cura del verde e all’attività forestale.
    In contemporanea si sono svolte le manifestazioni Eurocarne, salone della filiera corta, e Fruit&Veg Innovation, salone sulle filiere specializzate verticali dell’ortofrutta.
    «La soddisfazione di aziende ed operatori presenti – commenta Maurizio Danese, presidente di Veronafiere – testimoniano il successo e l’attualità di una manifestazione che da 120 anni fa della promozione dell’innovazione in agricoltura la propria direttrice di sviluppo. Le sfide per il comparto primario italiano ed europeo non mancano, come ha ribadito da Verona il ministro Martina e Fieragricola continuerà quindi a lavorare per un modello di agricoltura sempre più 4.0, multifunzione e sostenibile dal punto di vista ambientale e della redditività delle imprese».  
     
    «Questa 113ª edizione – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – chiude all’insegna di un aumento della qualità dell’offerta in ogni settore, da quello dell’agromeccanica, alla zootecnia, fino agli strumenti e ai servizi per l’agricoltura. Abbiamo voluto presentare la più ampia panoramica possibile su opportunità e prospettive nei diversi segmenti del comparto, rispondendo alle richieste dei visitatori. In particolare, sono cresciuti del 10% quelli italiani provenienti dal Centro-Sud, con un incremento maggiore da Campania, Sicilia e Sardegna. Ma anche le delegazioni commerciali straniere da Europa, Europa dell’Est, Nord Africa, Brasile e Iran hanno dimostrato molto interesse per tecnologie e know how made in Italy. E proprio sui mercati africani, del medio Oriente e del Sudamerica siamo operativi con iniziative già avviate e nuovi progetti fieristici in programma nel 2018»

    red. 04-02-2018 Tag: agricolturazootecnia
Articoli correlati
  • International Grains Council: in aumento produzione globale di cereali

    L'International Grains Council (Igc) prevede che nella stagione 2018-19 la produzione globale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.088 miliardi di tonnellate. Come riporta la rivista World Grain, si tratta di un ammontare superiore ai 2.087 miliardi di tonnellate...

    10-05-2018
  • Sfatato un pregiudizio: mangiare uova è salutare

    In passato il consumo di uova è finito spesso sotto accusa per le possibili conseguenze negative sulla salute cardiovascolare per via dell'alto contenuto di colesterolo. La raccomandazione che ne seguiva era dunque quella di limitarne l'apporto...

    08-05-2018
  • UE, promosso codice di condotta sulla condivisione dei dati agricoli

    Una coalizione di associazioni della filiera agroalimentare europea ha promosso l’“EU Code of conduct on agricultural data sharing”, il codice di condotta congiunto dell'Unione Europea in merito alla condivisione dei dati agricoli....

    05-05-2018
  • Cereali, Individuati i meccanismi di resistenza alla siccità

    Uno studio tedesco ha scoperto il motivo per cui i cereali sono in grado di soddisfare il fabbisogno mondiale di cibo con maggiore efficacia rispetto ad altre colture. La capacità di queste piante di adattarsi a condizioni climatiche difficili e a...

    05-05-2018
  • Mais, pacciamatura con paglia aumenta resa e carbonio organico nel suolo

    L’impiego della pacciamatura con la paglia potrebbe accrescere il rendimento delle piantagioni di mais del 5%. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Soil Science Society of America Journal dagli scienziati della Science Northwest...

    03-05-2018