• Mais, nuova tecnica aumenta resa e resistenza alla siccità

    Print

    Il metodo potrebbe essere applicato anche ad altre colture

    Mais ogm

    Individuata una tecnica capace di aumentare la resa del mais anche in presenza di siccità. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plant Physiology dagli scienziati coordinati da Matthew J. Paul, della Rothamsted Research di Harpenden (Regno Unito), secondo cui questa strategia potrebbe essere impiegata anche per accrescere il rendimento di altre colture, come grano e riso.

    Tre anni fa, i ricercatori avevano dimostrato di poter aumentare la produttività del mais introducendo nella pianta un gene del riso, che regola l'accumulo del saccarosio nei chicchi. Il gene sarebbe, infatti, in grado d’influire sulle prestazioni di una sostanza chimica naturale presente nel mais, il trealosio 6-fosfato (T6P), che influenza la distribuzione del saccarosio nella pianta. In questo studio, gli specialisti hanno cercato di capire i meccanismi che sono alla base di questo processo. “Ora sappiamo molto di più su come viene ottenuto questo effetto sul rendimento”, afferma il dottor Paul.

    Gli scienziati hanno infatti scoperto che l’introduzione del gene del riso abbassa i livelli di T6P nel floema -una componente essenziale del sistema di trasporto delle sostanze elaborate -, permettendo a una quantità maggiore di saccarosio di raggiungere i chicchi in via di sviluppo e aumentando, in modo fortuito, i tassi di fotosintesi, che determinano un ulteriore produzione di saccarosio. Gli studiosi hanno anche deciso d’indirizzare il floema all'interno delle strutture riproduttive della pianta, in modo da rendere la coltura più resistente alla siccità. “Queste strutture sono particolarmente sensibili alla siccità, che potrebbe uccidere i chicchi femminili – spiega Paul -. Mantenere il saccarosio all'interno di queste strutture ne impedisce la perdita”.

    Secondo gli esperti, questa tecnica potrebbe essere impiegata efficacemente anche su altre colture, in modo da aumentarne la resa e renderle più resistenti alla carenza d’acqua. “Questo studio è il primo nel suo genere a dimostrare che la tecnologia opera efficacemente sia sul campo, sia in laboratorio– conclude Matthew Paul -. Pensiamo che questa scoperta potrebbe essere applicata anche ad altri cereali, come grano e riso”.

    redazione 09-02-2018 Tag: maisresaagricolturacerealiricercasiccità
Articoli correlati
  • Mais, un settore fra criticità e opportunità

    Il mais è una materia prima strategica per l'intera filiera agroalimentare ed essenziale per l’alimentazione zootecnica. In Italia, nell'arco di un decennio, il settore ha conosciuto un'evoluzione preoccupante: si è passati...

    11-11-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi in calo a ottobre

    A ottobre i prezzi internazionali delle materie prime alimentari hanno registrato una flessione. Il calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari, delle carni e degli oli vegetali ha, infatti, più che compensato l'incremento delle quotazioni dello...

    11-11-2018
  • Agricoltura, individuato gene che rende piante resistenti alle malattie

    Identificato un gene che rende le piante resistenti alle malattie. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications dai ricercatori dell’Università di Edimburgo (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe...

    07-11-2018
  • Mais, nuova varietà ottiene azoto da batteri “buoni”

    Una nuova varietà di mais sarebbe in grado di ricevere i nutrienti di cui ha bisogno dai batteri “buoni”, per cui non avrebbe la necessità di fertilizzanti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Biology dai ricercatori...

    06-11-2018
  • Mais, un contratto di filiera per rilanciare la produzione

    Risollevare il settore maidicolo a beneficio dell'intera filiera agroalimentare. Il mais italiano è una coltura in crisi produttiva che necessita di una strategia di rilancio con la collaborazione di tutti i soggetti della filiera. E uno strumento chiave...

    04-11-2018