• Tassazione, burocrazia e impresa: così può crescere l'agroalimentare italiano

    Print
    Forzaitalia

    Forza Italia, assieme agli altri partiti della coalizione di centrodestra (Lega, Fratelli d'Italia, Noi con l'Italia) ha firmato un programma comune per le elezioni del 4 marzo del 2018. Il programma è articolato in dieci punti alcuni dei quali riguardano, esplicitamente o meno, il settore agro-alimentare.

    Il comparto è richiamato nel capitolo dedicato ai rapporti con l'Unione Europea: “Tutela in ogni sede degli interessi italiani a partire dalla sicurezza del risparmio e della tutela del Made in Italy, con particolare riguardo alle tipicità delle produzioni agricole e dell’agroalimentare”. L'obiettivo della coalizione di centrodestra è quello di allentare i vincoli europei con riferimento alle politiche di austerità, con la proposta di rivedere i trattati europei e la contrarietà alle “regolamentazioni eccessive che ostacolano lo sviluppo”. Un uso più effciente dei fondi europei è uno dei punti del piano per il Sud.

    Sulle politiche fiscali la proposta è di riformare il sistema tributario con “l’introduzione di un’unica aliquota fiscale (Flat tax) per famiglie e imprese”. Le risorse “liberate dalla Flat tax” possono rappresentare un propulsore per gli investimenti pubblici e privati. Per le piccole e medie imprese l'accesso al credito dovrà essere più agevole mentre per l'iniziativa privata la proposta è di definire una “autocertificazione preventiva” con verifica ispettiva al termine delle opere.

    Per l'innovazione si punta sulle tecnologie per l'efficientamento energetico, sul “piano di ristrutturazione delle tecnostrutture e migliore utilizzo delle risorse per le nuove tecnologie per tutto il sistema delle imprese, con particolare riferimento alle piccole e medie”, sul sostegno alle start-up e alle energie rinnovabili.

    Vito Miraglia 28-04-2018 Tag: agroalimentareinnovazioneForza Italiatassazione
Articoli correlati