Victam
  • Soia, come soddisfare la necessità di azoto

    Print
    Soia prezzi

    Individuato il modo di soddisfare la necessità di azoto della soia: basta spruzzare batteri benefici sulle radici e sulla piante in crescita. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy Journal dagli scienziati dell’Università statale di San Paolo (Brasile), secondo cui questa tecnica potrebbe aumentare la resa e la sostenibilità delle piantagioni.

    Gli autori spiegano che per produrre le proteine, la soia necessita di molto azoto. Una parte di questa sostanza viene ottenuta dalle piante grazie all’ausilio di specifici batteri presenti nel terreno, che insieme alle radici formano “noduli radicali”, e che sono capaci di fissare l'azoto atmosferico e di cederlo alla pianta in cambio di carbonio in forma organica. Ma gli studiosi evidenziano che questo processo, chiamato “fissazione biologica dell'azoto”, potrebbe non soddisfare il bisogno della pianta – questo è il motivo per cui gli agricoltori in molti casi applicano anche concimi azotati.

    Nel corso della sperimentazione, i ricercatori hanno ricoperto i semi della soia con i batteri benefici – un metodo usato frequentemente dai coltivatori – e, successivamente, hanno spruzzato i batteri sulle piante durante le diverse fasi della crescita. Hanno così osservato che le piante hanno sviluppato un numero maggiore di noduli radicali e che questo ha permesso di accrescere il rendimento della piantagione fino al 28%. Secondo gli esperti, questa tecnica potrebbe eliminare la necessità di applicare ulteriori fertilizzanti azotati: “Ciò apre la possibilità di ottenere rese più elevate di soia sfruttando esclusivamente la fissazione biologica”, precisa Mariangela Hungria, che ha coordinato lo studio.

    Gli autori sottolineano che questo metodo potrebbe anche aumentare la sostenibilità delle coltivazioni, perché consente di ridurre l’uso dei fertilizzanti e quindi delle emissioni di carbonio - i fertilizzanti azotati sono generalmente prodotti utilizzando combustibili fossili. Inoltre, un minor impiego di fertilizzanti aiuta a preservare le risorse idriche, perché quando vengono usati in eccesso possono finire nei corsi d’acqua.

    redazione 23-03-2018 Tag: soiaagricolturasostenibilitàazotoresa colture
Articoli correlati
  • Pac 2021/2027, un'opportunità da non perdere

    La Politica Agricola Comune (Pac) è una delle politiche più antiche e importanti dell'Ue. Dalla sua creazione negli anni '60 ha contribuito, oltre a supportare la coesione e lo sviluppo dell’Unione europea, allo sviluppo dell'agricoltura...

    25-03-2019
  • Agroalimentare, stanziati 500 milioni di euro per le filiere italiane

    Stanziati 500 milioni di euro a favore delle filiere agricole e agroalimentari italiane. Lo comunica il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), precisando che i fondi sono destinati a sostenere diverse tipologie di...

    24-03-2019
  • Alimentazione animale, focus su sicurezza e antimicrobico-resistenza durante 12° Ifrm

    L’alimentazione animale è stata al centro del 12° International feed regulators meeting (Ifrm), organizzato dall'International feed industry federation (Ifif) in collaborazione con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e...

    22-03-2019
  • Usa, diminuiscono esportazioni e uso nazionale di mais e grano

    Negli Stati Uniti il calo delle esportazioni potrebbe determinare un aumento delle scorte di mais e grano, mentre le riserve nazionali di soia dovrebbero diminuire. Lo evidenzia il rapporto “World agricultural supply and demand estimates” pubblicato...

    20-03-2019
  • Afcc, Jacob Hansen eletto nuovo presidente

    Jacob Hansen, Direttore Generale di Fertilizers Europe, è stato eletto presidente di Agri-food chain coalition (Afcc), che rappresenta le 11 principali associazioni di settore della catena agroalimentare dell'Unione Europea. Il neo-presidente si è...

    05-03-2019