• Usa: per la prima volta piantagioni di soia superano quelle di mais

    Print

    In calo le scorte di entrambe le colture

    Grano mais soia

    Nella stagione 2018/19 negli Usa le piantagioni di soia supereranno quelle di mais per la prima volta in 35 anni. Lo evidenzia il rapporto: “Prospective Plantings” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui la superficie dei terreni coltivati con la soia raggiungerà i 91 milioni di acri - nel 2017 si fermava a 90,1 milioni di acri -, mentre le piantagioni di mais ricopriranno una superficie di 89,42 milioni di acri - nel 2017 era pari a 90,17 milioni di acri. L’Usda sottolinea che la scelta degli agricoltori statunitensi di coltivare la soia coincide con l’aumento dei futures del legume, dovuta ai scarsi raccolti in Argentina, dove la produzione dovrebbe diminuire di oltre il 30%, fermandosi a circa 40 milioni di tonnellate o anche meno.

    Scorte – Il Dipartimento prevede che le riserve di entrambe le colture diminuiranno significativamente durante la stagione 2018/19. In particolare, le scorte di mais dovrebbero scendere del 30%, passando da 12,516 miliardi di bushel calcolati a dicembre a 8,703 miliardi di bushel, mentre quelle di soia dovrebbero diminuire del 36%, passando da 1,147 miliardi di bushel di dicembre a 2,030 miliardi di bushel.

    Grano - Gli analisti dell’Usda stimano che nella stagione 2018/19 le piantagioni di grano dovrebbero coprire una superficie media di 46,29 milioni di acri, mentre lo scorso anno era pari a 46,01 milioni di acri. La superficie coltivata con il grano invernale dovrebbe diminuire rispetto allo scorso anno fermandosi a 32,69 milioni di acri, mentre quella coltivata con il grano primaverile dovrebbe aumentare, fino a raggiungere gli 11,5 milioni di acri. Per quanto riguarda le scorte, dovrebbero raggiungere il secondo valore più alto registrato negli ultimi vent’anni, attestandosi a poco meno di 1,5 milioni di tonnellate.

    redazione 21-04-2018 Tag: maissoiagranoscortesuperficie coltivataproduzioneUSDA
Articoli correlati
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Rete Qualità Mais: micotossine in mais nella campagna 2018

    Il mais è una coltura chiave per il sistema agroalimentare italiano; è elemento portante per l’alimentazione del patrimonio zootecnico, essenziale per quasi tutte le produzioni DOP, simboli del made in Italy alimentare nel mondo. Nonostante...

    26-07-2019
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019