• Crescono esportazioni dei prodotti made in Italy in Giappone e Russia

    Print

    Agroalimentare, nel 2017 l’export ha superato i 41 miliardi di euro

    Alimenti %c2%a9 giuseppe porzani   fotolia

    Nel 2017 l’export dei prodotti agroalimentari italiani ha superato la soglia dei 41 miliardi di euro, registrando un incremento del 6,8% rispetto all'anno precedente. Lo evidenzia il rapporto: “La bilancia commerciale agroalimentare nazionale nel 2017” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui sono cresciute in particolar modo le esportazioni dei prodotti made in Italy verso il Giappone (+42,3%) e verso la Russia (+24,6%).

    Il rapporto evidenzia che la performance positiva del settore è dovuta in gran parte al contributo dell'industria alimentare, che costituisce l'83% dell'export agroalimentare e ha mostrato un incremento annuo del 7,5%. Più contenuta la crescita della componente agricola che ha registrato un aumento del 3,4% rispetto al 2016. L’Ismea precisa che sono cresciute anche le importazioni, ma a un tasso inferiore rispetto all’export, arrivando a sfiorare i 45 miliardi di euro, con un miglioramento del deficit pari a 670 milioni di euro.

    Con 26,7 miliardi di euro e un incremento del 6% rispetto al 2016, anche lo scorso anno l'Unione Europea è rimasta il principale acquirente dei prodotti agroalimentari italiani, attraendo il 65% del valore complessivo della merce esportata. I tassi di crescita più sostenuti sono quelli verso la Spagna (+13,3%, con 1,6 miliardi di euro esportati nel 2017), la Polonia (+12,8% con 844 mila euro) e la Francia (+8,1% con 4,5 miliardi di euro).

    Sono cresciute dell'8,2% anche le esportazioni dirette verso i paesi extra-Ue, che nel 2017 hanno raggiunto la soglia dei 14,3 miliardi di euro. Gli incrementi sono risultati particolarmente consistenti per il Giappone (+42,3% con 1,3 miliardi di euro), la Russia (+24,6% con 524 milioni di euro) e la Cina (+14,9% con 448 milioni di euro). L’Ismea precisa che l'ottima performance commerciale italiana in Giappone è principalmente merito dell'accordo di partenariato economico stipulato nel mese di luglio 2017 fra UE e Giappone pereliminare le barriere commerciali.

    Foto: © Giuseppe Porzani - Fotolia

    redazione 06-04-2018 Tag: exportagroalimentareIsmeaimportazionimade in Italy
Articoli correlati
  • Soia, la (possibile) rivoluzione dei flussi commerciali

    La guerra dei dazi tra Usa e Cina potrebbe rivoluzionare gli scambi commerciali della soia a livello globale. Secondo un editoriale pubblicato su Reuters, non è detto che la riduzione delle esportazioni in Cina del legume prodotto negli Usa costituisca...

    19-04-2018
  • Usa: mais destinato all’export è di qualità elevata

    La qualità del mais statunitense destinato alle esportazioni è elevata. Lo evidenzia il rapporto: “Corn export cargo quality report” pubblicato dall’ U.S. Grains council (Usgc), secondo cui il cereale prodotto negli Stati Uniti...

    13-04-2018
  • Russia, una potenza agroeconomica in divenire

    Il Presidente russo Vladimir Putin intende rendere la Russia un leader mondiale nel mercato agroindustriale. Lo riferisce il sito World Grain che riporta una notizia dell'agenzia di stampa Tass, secondo cui Putin progetterebbe di rendere la nazione un...

    21-03-2018
  • Agroalimentare, crescita record di export e consumi nell’ultimo trimestre 2017

    Il comparto agroalimentare ha chiuso il 2017 con un bilancio positivo: nell’ultimo trimestre sono aumentati sia i consumi domestici, sia le esportazioni dei prodotti made in Italy. Lo rivela il rapporto AgrOsserva pubblicato da Ismea (Istituto di servizi...

    18-03-2018
  • Sicurezza alimentare, plauso europeo per esito missione Fda in Italia

    La Commissione Europea ha espresso il suo apprezzamento alla Direzione generale per l’igiene, la sicurezza degli alimenti e la nutrizione (Dgisan) del Ministero della Salute, per l’esito della visita effettuata a febbraio dalle Autorità...

    13-03-2018