Victam
  • Il segreto genetico delle spighe di grano e il futuro delle rese produttive

    Print
    Granocreditcsiro

    Identificato il gene che regola la forma e la dimensione delle spighe di grano. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista The Plant Cell da un gruppo di ricerca britannico-australiano coordinato da Scott Andrew Boden del John Innes Center di Norwich (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe favorire l’incremento della resa non solo di questo cereale, ma anche di mais, orzo e riso.

    Nel corso della ricerca, gli scienziati hanno analizzato il genoma di una varietà di grano tenero che produce “spighette accoppiate”, in cui l’infiorescenza è formata da due spighette invece che da una sola. Questa caratteristica, presente anche in alcune varietà di mais e riso, potrebbe aumentare la resa della coltura. Utilizzando una vasta gamma di tecniche innovative, i ricercatori hanno individuato un gene chiamato Teosinte Branched1 (Tb1), che regola la struttura dell'infiorescenza del grano, favorendo la produzione delle spighette accoppiate. Questo gene opera attraverso un meccanismo che ritarda la fioritura e riduce l'espressione dei geni che controllano lo sviluppo delle spighette laterali.

    L'analisi genetica ha anche dimostrato che Tb1 è collegato a un altro gene conosciuto da molto tempo: il cosiddetto gene Green Revolution (Rht-1), che controlla l'altezza della pianta. Gli studiosi precisano che ulteriori ricerche determineranno se alcuni degli effetti attribuiti al gene Rht-1 siano invece riconducibili all’azione di Tb1. Gli scienziati affermano, infine, che il meccanismo genetico individuato potrebbe essere applicato non solo alle altre piante di grano, ma anche a quelle di altri cereali importanti come mais, orzo e riso.

    “Questo lavoro è un esempio di ciò che possiamo fare per il grano con le nuove risorse a disposizione – spiega il dottor Boden -. Siamo passati dal campo al laboratorio e viceversa. Questo gene responsabile dello sviluppo contribuisce a molti tratti importanti dal punto di vista agronomico. La scoperta e gli effetti di questo studio potranno essere impiegati per scoprire se realmente questo gene incrementa il rendimento del grano”.

    Foto: © CSIRO

    redazione 11-04-2018 Tag: granoricercarendimentoagricolturacereali
Articoli correlati
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per...

    18-01-2019
  • Materie prime, tensioni geopolitiche condizionano il mercato

    La tregua sancita tra Stati Uniti e Cina nella cosiddetta “guerra dei dazi” sta influenzando positivamente i mercati. Lo evidenzia il rapporto “World Agricultural Supply and Demand Estimates” di dicembre pubblicato dal Dipartimento...

    09-01-2019
  • Unione Europea, in calo produzione totale di cereali

    Nel 2018 la produzione europea di cereali dovrebbe attestarsi a 281,7 milioni di tonnellate. Secondo Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), dovrebbe quindi essere inferiore alle aspettative: nelle...

    13-12-2018
  • Ogm, il bilancio di vent'anni di commercio: guadagni per 190 miliardi di dollari

    Il matrimonio tra ingegneria genetica e agricoltura ha superato i vent'anni di vita. Era il 1996 quando fu autorizzata per la prima volta la coltivazione a scopi commerciali di Ogm. Da allora le colture biotech hanno fruttato a circa 17 milioni di agricoltori di...

    11-12-2018
  • Fao, a novembre prezzi materie prime alimentari in calo

    Diminuiscono i prezzi delle materie prime alimentari. Oli vegetali, cereali, latte e suoi derivati e carne hanno fatto segnare un calo delle loro quotazioni mentre lo zucchero è in controtendenza. Sono i dati forniti dalla Fao e relativi all'Indice dei...

    08-12-2018