• Indice Fao, materie prime alimentari: lieve aumento dei prezzi in aprile

    Print

    Crescono i listini di cereali e prodotti lattiero-caseari, diminuiscono quelli della carne

    Mercato frutta verdura %c2%a9 berc   fotolia.com

    Nel mese di aprile i prezzi delle materie prime alimentari sono aumentati leggermente. Le quotazioni dei cereali e dei prodotti lattiero-caseari hanno continuato a salire, mentre quelle dello zucchero a diminuire. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), specificando che ad aprile l'Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su una media di 173,5 punti, registrando un leggero aumento rispetto a marzo (172,8 punti) e un incremento del 2,7% rispetto allo stesso periodo del 2017.

    L'indice Fao dei prezzi dei cereali ad aprile è aumentato dell'1,7%, riportando il quarto incremento mensile consecutivo e una crescita del 15,4% rispetto al valore di un anno fa. I prezzi del grano sono stati sostenuti dai rischi legati al clima negli Stati Uniti, mentre la flessione della produzione in Argentina e le minori semine negli Stati Uniti hanno spinto verso l'alto i prezzi internazionali del mais. Sono cresciuti anche i listini del riso.

    È aumentato anche il valore dell'indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, salito del 3,4% rispetto al mese scorso. Secondo l’Organizzazione, la crescita delle quotazioni sarebbe dovuta alla forte domanda e alle preoccupazioni sulle disponibilità per l'esportazione in Nuova Zelanda.

    L'indice Fao dei prezzi delle carni è sceso dello 0,9% rispetto al mese di marzo. I listini delle carni bovine e suine sono leggermente diminuiti, mentre quelli della carne ovina e del pollame sono rimasti stabili. L’aumento delle esportazioni dalle Americhe ha determinato il calo dei prezzi della carne bovina, mentre il rallentamento della domanda di importazioni ha fatto scendere le quotazioni delle carni suine.

    L'indice Fao dei prezzi dell'olio vegetale è diminuito dell'1,4% rispetto a marzo, a causa della flessione dei listini dell’olio di palma, di soia e di semi di girasole.

    Infine, l'indice Fao dei prezzi dello zucchero è sceso del 4,8% rispetto al mese precedente, continuando il trend negativo iniziato lo scorso dicembre. In media il suo valore è più basso del 24% rispetto ad aprile 2017. Il calo sarebbe dovuto all’eccesso di offerta alimentato da raccolti record in Tailandia e in India (il secondo maggior produttore di zucchero al mondo), e al deprezzamento del Real, la valuta del Brasile (il maggior produttore mondiale).

    Foto: © berc - Fotolia.com

    redazione 06-05-2018 Tag: materie primecerealicarneprodotti lattiero-casearifao
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • Alleanza di filiera: Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa per costruire una strategia comune

    Un impulso per una nuova collaborazione nella filiera agroalimentare arriva dal Protocollo d'intesa firmato da Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa. Le quattro associazioni, in rappresentanza di più di trecento aziende, hanno firmato un accordo di...

    09-08-2018
  • Antibiotico-resistenza, la situazione a livello mondiale

    La lotta contro l’antibiotico-resistenza sta compiendo significativi passi avanti, anche se permangono serie lacune che richiedono azioni urgenti. È quanto emerge dal rapporto “Monitoring global progress on antimicrobial resistance”...

    02-08-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018
  • Produzione ittica mondiale, in crescita nei prossimi 10 anni

    Nel prossimo decennio la produzione ittica mondiale dovrebbe continuare a crescere, nonostante si sia stabilizzata la quantità di pesci catturati in natura e stia rallentando l’espansione dell'acquacoltura. Lo evidenzia il rapporto: “The state...

    19-07-2018