Victam
  • Carne, continuano a crescere i consumi in Italia

    Print
    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    La crisi dei consumi di carne bovina sembra andare verso la risoluzione. Dopo i risultati incoraggianti della fine dello scorso anno, i primi tre mesi del 2018 confermano il buon andamento. Lo riferisce l'Ismea, l'Istituto di Servizi per il mercato agricolo alimentare, nel report Tendenze relativo al trimestre gennaio-marzo dell'anno in corso.  

    In questo periodo è stato rilevato infatti un aumento dei quantitativi acquistati del 2,5% su base annua e una crescita ancora più netta della spesa con il +5% per via di un aumento dei prezzi e delle mutate abitudini di acquisto. I consumatori si stanno orientando sempre più verso le carni più pregiate (razze da carni pregiate ingrassate in stalle italiane). 

    Il consumo di carni fresche totali è salito dell'1,6%. E non solo la carne bovina ha beneficiato di questa tendenza positiva, ma anche le carni suine e avicole; in picchiata, invece, il consumo di carne di coniglio (-4,9%), un fenomeno “inarrestabile” lo definicono gli esperti di Ismea. 

    L'allevamento in Italia 

    Le preferenze dei consumatori, inoltre, si stanno indirizzando verso i prodotti allevati e macellati in Italia. Nel 2017 il patrimonio bovino italiano si è mantenuto stabile (+0,3%) con una leggera contrazione della mandria da latte (-0,5%) e un aumento di quella destinata a produrre carne (+1,8%). Invariato il livello numero delle vacche nutrici, un dato che non favorisce il miglioramento del tasso di autosufficienza (ancora al 52%), mentre aumenta la presenza di vitelloni maschi tra 1 e 2 anni, a sottolineare come sia l’ingrasso l’attività che cresce negli allevamenti italiani. 

    Negli allevamenti locali i prezzi restano sostenuti: per i vitelloni il livello resta sopra quello dello scorso anno (superiore del 2%). Per l'indice dei prezzi dei mezzi di produzione, nel primo trimestre del 2018 è stato rilevato un aumento per i mangimi (+14%), soprattutto per le farine proteiche, e una ripresa meno evidente per i prodotti energetici  (+3% sul 2017).

    redazione 20-05-2018 Tag: carne bovinaIsmeacarne
Articoli correlati
  • Diete bilanciate e salute, le nuove scoperte della dietetica

    Per decenni carne e latte sono stati accusati di essere i principali nemici della salute, in particolare del cuore, a causa del loro contenuto in grassi saturi. La Società Europea di Cardiologia, nell’annuale congresso tenuto recentemente a Monaco...

    17-04-2019
  • Consumi alimentari, nel 2018 è boom delle uova

    Più uova, ma anche più carne e salumi, frutta e ortaggi. Stabile il pesce mentre scendono latte e formaggi. Il carrello della spesa cambia la sua composizione nel 2018 e si alleggerisce: a parità di prezzi, rispetto all'anno precedente,...

    15-04-2019
  • Carne bovina, in leggero aumento i consumi pro-capite

    Più carne bovina nel 2018. Secondo le rilevazioni di Ismea tre elementi hanno determinato una maggiore disponibilità di prodotto nel mercato interno: l'incremento delle importazioni di carni congelate, un maggior numero di capi destinati alla...

    13-04-2019
  • Dazi Usa su merci Ue? A rischio 2,2 miliardi di Made in Italy agroalimentare

    Pecorino Romano, olio, vino e pasta. Con i dazi minacciati dal presidente Usa Trump l'export di questi prodotti simbolo del Made in Italy potrebbe subire un duro colpo. A rischio – secondo le previsioni di Ismea – ci sono ben 2,2 miliardi di euro,...

    12-04-2019
  • Agroalimentare, record esportazioni nel 2018

    Nel 2018 le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani hanno stabilito un nuovo record: hanno raggiunto un valore di circa 41,8 miliardi di euro, registrando un aumento dell'1,2% rispetto all’anno precedente. Lo evidenzia il rapporto: “La...

    11-04-2019