• Stati Uniti, migliora la produzione di soia rispetto allo scorso anno

    Print
    Soia gm

    La produzione agricola delle colture per mangimi negli Stati Uniti è in ripresa. I livelli stanno avvicinandosi gradualmente a quelli dello scorso anno dopo aver superato una prima fase critica, con condizioni climatiche sfavorevoli e un avvio incerto. I progressi sono impressionanti, come ricorda a FeedNavigator Scott Brown, docente di agraria ed economia applicata all'Università del Missouri. “Abbiamo piantato una buona quantità di mais. In Missouri – sottolinea – siamo avanti rispetto allo scorso anno e abbiamo capito che possiamo piantare una rilevante quantità di mais in un breve arco di tempo”. 

    Per quanto riguarda l'emergenza delle colture c'è stato qualche ritardo nella germinazione: “Abbiamo di fronte un livello di emergenza del mais del 34% piuttosto che del 40%”, aggiunge ancora il professore. 

    Mais 

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha diffuso i dati relativi al 2018/19 sulle piantagioni per mangimi. Nei 18 Stati responsabili per il 92% della produzione dello scorso anno il livello del mais piantato ha quasi raggiunto quello medio fissato per questa fase della stagione ma resta indietro al livello dello scorso anno. È il 62% rispetto al 63% in media e al 68% del 2017.  Al 13 maggio, poi, si trova nella fase di emergenza il 28% del mais mentre lo scorso anno il livello era al 27%. 

    Soia 

    La performance della soia è migliore di quella degli anni passati. Nei 18 Stati che lo scorso anno hanno piantato circa il 96% delle piantagioni il livello è 35% rispetto al 26% in media e al 29% del 2017. E anche il tasso di emergenza ha fatto progressi (circa 10% contro il 7% dello scorso anno).  

    Grano 

    La maturazione del grano invernale, pari al 45% circa, è dietro al livello dello scorso anno (61%) e a quello medio degli ultimi anni (53%). Lo scorso anno, circa il 61%, in media 53% mentre oggi ha raggiunto quota 45%. Anche la qualità del grano è inferiore: lo scorso anno l'8% della piantagione era considerato eccellente e il 43% buono; oggi si è fermi al 7% e 29%.  

    Sorgo e avena 

    Il sorgo piantato è allo stesso livello dello scorso anno (32%) ma sotto la media degli ultimi anni. L'avena piantata, al 72%, è sotto a entrambi gli indicatori (89% nel 2017 e 84% medio). Anche la fase di emergenza è inferiore: 48% contro il 66% medio e il 70% dello scorso anno. 

    redazione 16-05-2018 Tag: maissoiastati unitiUSDAsorgoavena
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Usa, in calo produzione di mais. Stabile quella della soia

    Negli Stati Uniti il maltempo ha rallentato la semina di mais e soia, ma ha provocato il calo della produzione soltanto nel caso del cereale. Il raccolto del legume, invece, non dovrebbe aver risentito del ritardo. Lo evidenzia il rapporto “World...

    25-06-2019