• Fefac, bene Fao su antibiotici ma in Europa sono già vietati come promotori di crescita

    Print
    Mucca bovini %c2%a9 mexrix   fotolia.com

    Intervento lodevole ma parziale. È il giudizio di Fefac, la federazione europea dei produttori di mangimi, sulla presa di posizione della Fao contro l'utilizzo scriteriato di antibiotici negli allevamenti. Per la Fefac, infatti, l'organizzazione internazionale avrebbe dovuto ricordare che in Europa già dal 2006 è vietato utilizzare questi farmaci come promotori della crescita.  

    La resistenza agli antibiotici è una minaccia globale, ricorda la federazione che ha manifestato il suo apprezzamento al lavoro della Fao e agli sforzi fatti per la difesa della salute degli animali. Pertanto la richiesta fatta dal direttore generale dell'agenzia dell'Onu Graziano da Silva contro l'uso di antibiotici promotori della crescita è stata un'azione lodevole compiuta in un forum internazionale. Tuttavia – rimarca Fefac – da Silva avrebbe dovuto far notare che in Europa questo è già realtà da più di un decennio. E la mancata specificazione non farà altro che aumentare la confusione sul tema come già emerso in un'indagine di Eurobarometro del 2016. Solo il 37% dei cittadini europei – era emerso dalla rilevazione – era consapevole di tale divieto. 

    Secondo Fefac, inoltre, la Fao dovrebbe rendere noti i progressi compiuti nel campo delle scienze della nutrizione animale a beneficio della salute e delle prestazioni degli allevamenti, sottolineando al contempo la necessità di utilizzare con responsabilità gli antibiotici, una pratica che esclude il loro uso per la stimolazione della crescita. 

    Il contributo delle soluzioni nutrizionali per la gestione ottimale della salute degli allevamenti è stato riconosciuto dalla Commissione Europea assieme a fattori chiave come l'igiene o le vaccinazioni. Nella sua Visione 2030, un dossier sulle soluzioni per un allevamento sostenibile, Fefac esorta all'inclusione delle scienze della nutrizione animale per aiutare a ridurre il bisogno di antibiotici nelle fattorie. Il tema sarà ulteriormente discusso alla prossima assemblea generale della federazione a Lione (20-21 giugno).

    redazione 05-06-2018 Tag: resistenza agli antibioticiFEFACfaopromotori di crescita
Articoli correlati
  • Fao, studi e pubblicazioni consultabili da tutti

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) intende incentivare l’accesso al suo patrimonio di conoscenze tramite una nuova politica che promuove l'uso, la riproduzione e la diffusione delle sue pubblicazioni. Ha...

    21-06-2018
  • Fao, in rialzo le previsioni sulla produzione cerealicola

    Migliorano le stime sulla produzione cerealicola. Secondo la Fao nel 2018 l'offerta sarebbe pari a 2.610 milioni di tonnellate, un livello maggiore di quello precedentemente stimato. Il dato è contenuto nell'ultimo Bollettino sull'offerta e la domanda...

    09-06-2018
  • Indice dei prezzi della Fao in aumento, salgono i prezzi di latte e caseari

    Su i prezzi di latte e cereali, in calo quelli di zucchero e oli vegetali. L'andamento dell'Indice dei prezzi alimentari della Fao riferito al mese di maggio risente di queste variazioni e sale assestandosi a 176,2 punti. Rispetto ad aprile scorso l'incremento...

    08-06-2018
  • Alleanza internazionale per salvaguardare salute umana, animale e ambientale

    Le interazioni tra esseri umani, animali e ambiente devono essere sicure e per questo Fao, Oms e Oie hanno rilanciato un impegno comune per contrastare le minacce relative a tali interazioni: “Questa alleanza unisce le competenze specialistiche e...

    07-06-2018
  • Fao, impegno per un uso appropriato degli antibotici nella zootecnia

    Continua l'azione di contrasto della Fao all'abuso di antibiotici. L'organizzazione ha partecipato a un incontro con le altre organizzazioni delle Nazioni Unite impegnate su questo fronte rilanciando l'appello per un uso responsabile di questi farmaci:...

    01-06-2018