Victam
  • Latte ovino, pressione sui prezzi 

    Print
    Pecore

    Costi medi di produzione elevati per il latte di pecora. Nell'annata agraria 2016/2017 è stato pari a 1,12 euro/litro di latte prodotto al netto di premi e contributi PAC. Il dato è contenuto in un'indagine di Ismea, l'Istituto di Servizi per il mercato agricolo e alimentare, nell'ambito delle attività del Piano di settore zootecnico per la filiera ovicaprina. 

    Gli esperti hanno valutato l'attività di un campione di 18 aziende specializzate nell'allevamento ovino in Sardegna, la prima regione italiana per capi di bestiame con più del 45% del patrimonio ovino nazionale. Le aziende sono state divise per dimensione: medio piccole, da 50 a 384 capi, e grandi, con oltre 385 capi. Questa divisione si è rivelata un discrimine fondamentale dal momento che è stata riscontrata una forte variabilità sia per quanto riguarda le performance tecniche che quelle economiche.  

    In particolare, il costo di produzione è risultato molto più elevato nelle aziende medio-piccole rispetto alle grandi: rispettivamente pari a 1,43 €/lt e 1,03 €/lt Iva esclusa. A pesare diversamente è l'incidenza dei costi del lavoro per litro di latte prodotto, circa il 42% nelle aziende medie e il 26% in quelle grandi (0,83 €/lt e 0,38 €/lt). Questa differenza indica che soprattutto gli allevamenti ovini di medie dimensioni operano ancora con una limitata meccanizzazione delle principali operazioni di cura e alimentazione del bestiame.  

    I costi di  alimentazione sono invece risultati più omogenei, meno influenzati dalla dimensione dell'allevamento. Nelle aziende medie pesano per 0,50 €/lt e per 0,49 €/lt in quelle grandi. Sui costi di produzione è stato notevole l'impatto del clima sfavorevole che ha fatto crescere i costi per l'acquisto di foraggi conservati e alimenti concentrati.  

    In definitiva i bilanci hanno mostrato una forte sofferenza generale non compensata dal sostegno della Politica Agricola Comune (incluso premio accoppiato) che rappresenta circa un terzo dei ricavi complessivi. La Produzione Lorda Vendibile si è attestata su valori esigui a causa di prezzi molto bassi e di livelli contenuti di produttività per effetto della straordinaria siccità della stagione agraria considerata.

    redazione 08-06-2018 Tag: latteIsmeaovinicosti di produzione
Articoli correlati
  • Consumi alimentari, nel 2018 è boom delle uova

    Più uova, ma anche più carne e salumi, frutta e ortaggi. Stabile il pesce mentre scendono latte e formaggi. Il carrello della spesa cambia la sua composizione nel 2018 e si alleggerisce: a parità di prezzi, rispetto all'anno precedente,...

    15-04-2019
  • Carne bovina, in leggero aumento i consumi pro-capite

    Più carne bovina nel 2018. Secondo le rilevazioni di Ismea tre elementi hanno determinato una maggiore disponibilità di prodotto nel mercato interno: l'incremento delle importazioni di carni congelate, un maggior numero di capi destinati alla...

    13-04-2019
  • Dazi Usa su merci Ue? A rischio 2,2 miliardi di Made in Italy agroalimentare

    Pecorino Romano, olio, vino e pasta. Con i dazi minacciati dal presidente Usa Trump l'export di questi prodotti simbolo del Made in Italy potrebbe subire un duro colpo. A rischio – secondo le previsioni di Ismea – ci sono ben 2,2 miliardi di euro,...

    12-04-2019
  • Agroalimentare, record esportazioni nel 2018

    Nel 2018 le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani hanno stabilito un nuovo record: hanno raggiunto un valore di circa 41,8 miliardi di euro, registrando un aumento dell'1,2% rispetto all’anno precedente. Lo evidenzia il rapporto: “La...

    11-04-2019
  • Formaggi made in Italy, export registra nuovo record

    Nel 2018 le esportazioni di formaggi e latticini made in Italy hanno registrato un nuovo record. Nonostante il rallentamento della crescita, le vendite sui mercati esteri hanno raggiunto i 2,8 miliardi di euro. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per...

    30-03-2019