• Unione Europea-Australia, prima passi verso accordo commerciale

    Print
    Stretta di mano accordo pixabay

    I rappresentanti dell'Unione Europea e dell'Australia si sono recentemente incontrati nella capitale australiana per discutere di un possibile accordo commerciale, che potrebbe accrescere gli scambi di beni e servizi tra i due Paesi. La prima sessione di colloqui formali si svolgerà dal 2 al 6 luglio a Bruxelles. Lo riferisce il sito Worl Grain, precisando che i colloqui seguono le precedenti iniziative commerciali che l’Europa ha avviato con il Giappone, il Messico e il Canada.

    “Non vedo l'ora di aggiungere l'Australia alla cerchia sempre più ampia dei nostri partner commerciali - dichiara Cecilia Malmström, Commissario europeo per il Commercio -. In tempi ardui, è incoraggiante vedere che l'Australia condivide il nostro impegno per la realizzazione di un'agenda commerciale favorevole e l'idea che buoni accordi commerciali rappresentino una vittoria per entrambe le parti. Il risultato delle nostre trattative consisterà in un accordo capace di offrire evidenti vantaggi sia all’Unione Europea, sia all’Australia. Aumenterà le opportunità economiche per le imprese, grandi e piccole, e permetterà di creare nuovi posti di lavoro”.

    L'Australia, una delle economie sviluppate in maggiore crescita, ha ampliato la sua rete dei partner commerciali attraverso la stipula di accordi commerciali. Recentemente ha preso parte ai negoziati per la “Comprehensive and Progressive Trans-Pacific Partnership” con altri 10 paesi della regione del Pacifico. La Commissione Europea evidenzia che un possibile accordo tra l'Unione Europea e l'Australia consentirebbe pertanto alle società europee di competere su un piano di parità con le società dei Paesi con cui l'Australia ha già stretto accordi commerciali.

    Attualmente l'Unione Europea è il secondo partner commerciale dell'Australia. Lo scorso anno il valore degli scambi commerciali tra i due Paesi ha quasi raggiunto i 48 miliardi di euro, mentre lo scambio bilaterale di servizi è stato pari a circa 28 miliardi di euro. La maggior parte dei prodotti europei esportati in Australia è costituita da attrezzature per il trasporto, macchinari ed elettrodomestici, prodotti chimici, cibo e servizi.

    Foto: Pixabay

    redazione 26-06-2018 Tag: accordo commercialeUnione Europeaaustraliacommercio
Articoli correlati
  • Latte, rialzo dei prezzi in Europa

    A partire da giugno, ogni mese il prezzo del latte alla stalla in Europa e in Italia ha registrato un lieve aumento. Tuttavia, si mantiene significativamente al di sotto rispetto ai livelli dello scorso anno. È quanto emerge dal rapporto: “Lattiero...

    28-10-2018
  • Industry4Europe, una nuova governance per un’ambiziosa strategia industriale

    La coalizione “Industry4Europe”, che rappresenta gli interessi di 122 associazioni di categoria dell'Unione Europea compresa la Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), ha avanzato la proposta di realizzare una nuova struttura di governance...

    13-07-2018
  • Bilancio sulla disponibilità di carni in Italia nel 2017

    La recente diffusione Istat dei risultati sul commercio estero di carni e animali vivi, dell’indagine campionaria sulle consistenze animali (bovini, bufalini, suini, ovini, caprini e suini) riferiti al mese di dicembre 2017, nonché i dati per lo...

    11-07-2018
  • Fefac: benessere animale e proteine vegetali al centro della 63ª Assemblea generale

    La 63ª Assemblea generale di Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), che si è svolta dal 20 al 21 giugno 2018 a Lione (Francia), ha permesso a numerosi produttori di mangimi, medicinali veterinari e additivi, agricoltori, responsabili...

    05-07-2018
  • Effpa: bene aggiornamento direttiva europea sui rifiuti

    Il 14 giugno 2018 è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea l’aggiornamento della Direttiva quadro sui rifiuti 2018/851 (Waste Framework Directive) , che rientra nel pacchetto europeo sull’Economia circolare. Come...

    30-06-2018