Victam
  • Soia, domanda in crescita dall'Oriente

    Print
    Soia %c2%a9 africa studio   fotolia

    La domanda asiatica di soia è in aumento, e non dovrebbe essere scalfita dalla guerra dei dazi in corso tra Cina e Stati Uniti. Lo ha dichiarato in un'intervista al sito World Grain J.Y. Chow, Vice-presidente senior del settore cibo e agricoltura della Mizuho Bank di Tokyo (Giappone), evidenziando che nonostante la domanda di mangimi sia diminuita, la richiesta cinese di soia continua a salire, tanto che quest’anno le importazioni del legume nel paese asiatico sono cresciute di 100 milioni di tonnellate.

    “A partire dal 2012 la domanda di mangimi ha iniziato a diminuire – osserva il dottor Chow -, pertanto perché la richiesta di soia continua a salire se quella di mangimi è ferma?”. L’esperto sostiene che ci siano diverse risposte a questo interrogativo. Innanzitutto cita alcune ragioni interne, come i migliori tassi di conversione dei mangimi e l’industrializzazione dell'agricoltura. Ma fa anche riferimento alla notevole capacità di macinazione della Cina: attualmente vengono macinati solo 93-94 milioni di tonnellate di soia, su una capacità pari a 150 milioni di tonnellate. “La Cina potrebbe potenzialmente importare più soia ed esportare la farina di soia macinata nel Sudest asiatico, e consumare l’olio di soia al posto dell’olio di palma”.

    Il dottor Chow ritiene che in futuro le importazioni cinesi di semi di soia potrebbero aumentare ulteriormente, e che la Cina potrebbe poi esportare la farina di soia ottenuta in Giappone, Corea del Sud, Vietnam e Filippine. “Tutti gli impianti di macinatura sono dislocati sulla costa, per cui quest’ipotesi è realizzabile se il prezzo delle importazioni è conveniente – afferma l’esperto -. Inoltre, l’aumento della classe media spinge in alto la richiesta di alimenti più sani: le persone preferiscono l’olio di soia rispetto all'olio di palma. Potrebbe quindi verificarsi una graduale scomparsa dell'olio di palma. La Cina potrebbe facilmente importare un altro 10-15% di semi di soia, quindi altri 10-15 milioni di tonnellate di soia. Non accadrà da un giorno all'altro, ma mi aspetto che succederà”.

    Foto: © Africa Studio - Fotolia

    redazione 29-06-2018 Tag: soiaasiaCinamangimimercatoimportazioniesportazioni
Articoli correlati
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019
  • Infrastrutture per la crescita dell’agroalimentare italiano

    C’è un dibattito che va avanti da alcuni mesi in Italia sul futuro del nostro sistema di infrastrutture. Un dibattito alimentato dalla consapevolezza che la crescita dell’economia nazionale e l’aumento delle nostre capacità di...

    11-02-2019
  • Mangimi, produzione record nel 2018: superati 1,1 miliardi di tonnellate

    Nel 2018 la produzione globale di mangimi ha stabilito un nuovo record: è cresciuta del 3% rispetto all’anno precedente, fino a superare 1,1 miliardi di tonnellate. Lo rileva il rapporto “2019 Alltech Global Feed Survey” pubblicato dalla...

    10-02-2019
  • Soia americana, il rapporto con l'Italia

    Una delegazione di produttori statunitensi di soia è giunta in Italia per confermare la partnership commerciale tra gli Stati Uniti e il Belpaese. I rappresentanti dell’U.S. Soybean export council (Ussec) - il Comitato per l’export della soia...

    07-02-2019
  • Zootecnia e mangimistica italiana, un successo degli ultimi 40 anni

    La Commissione Scenari dell’ASPA, di cui chi scrive è presidente, ha per compito la costruzione di scenari zootecnici per le principali produzioni nazionali al 2030. Per fare ciò la commissione ha iniziato ad analizzare, in termini...

    06-02-2019