Victam
  • Bovini da carne, cresciuta redditività degli allevamenti nel 2017

    Print

    Merito soprattutto della flessione del costo dell'alimentazione

    Mucche bovini %c2%a9 sven grundmann fotolia.com

    Nel 2017 la redditività degli allevamenti di bovini da carne è cresciuta. Lo evidenzia il rapporto “Rilevazione dei costi per partita de bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), che illustra i risultati del monitoraggio dei costi per partita dei vitelloni da ingrasso che l'Ismea realizza nell'ambito dell'Osservatorio economico della zootecnia. Dalla relazione emerge che lo scorso anno i profitti delle aziende che allevano bovini da carne sono migliorati rispetto al 2016.

    L’Istituto precisa che, anche se i margini sono ancora esigui, sono diventati positivi in particolare i livelli di redditività delle aziende grandi - dotate di una dimensione media superiore ai 550 posti stalla - che ingrassano capi di razza Limousine e Charolais. Inoltre, pur restando in terreno negativo, i margini sono risultati migliorati rispetto al 2016 anche nelle aziende grandi che allevano bovini di razza Garonnese - più di 250 posti stalla - e in quelle più piccole che allevano Charolais e Limousine - meno di 550 posti stalla.

    L’Ismea sottolinea che il miglioramento della redditività è stato determinato dal calo del costo dell'alimentazione - che costituisce la voce più rilevante del costo per capo dopo l'acquisto del ristallo -, dovuto alla flessione delle quotazioni dei cereali e degli alimenti proteici, soprattutto nei mesi primaverili e estivi. Inoltre, sul fronte dei ricavi sono stati determinanti i buoni risultati raggiunti nel quarto trimestre, che hanno risollevato il trend dell'intero anno.

    Nel dettaglio, se si prendono in considerazione le aziende grandi con Charolais, si può osservare che nel 2017 i costi medi annuali di allevamento si sono attestati su 2,52 €/kg peso vivo, un valore inferiore ai 2,57 €/kg peso vivo dell'anno precedente, mentre i ricavi sono mediamente cresciuti, passando da 2,41 €/kg peso vivo nel 2016 a 2,53 €/kg peso vivo nel 2017. I capi sono stati venduti al macello a un peso vivo mediamente compreso tra i 710 e i 720 kg, contro un peso all'ingresso di circa 430 kg – si tratta di vitelloni maschi di età compresa tra nove e dieci mesi, già sottoposti dopo lo svezzamento a un periodo di pre-accrescimento nelle aziende di origine. L'incremento ponderale giornaliero dei vitelloni è stato pari a 1,48 kg/capo, con differenze relativamente contenute nel corso dell'anno, con una sosta media in stalla di 190 giorni.

    Foto: © Sven Grundmann - Fotolia.com

    red. 14-07-2018 Tag: bovini da carneallevamentoIsmeaalimentazione animale
Articoli correlati
  • Zootecnia e mangimistica italiana, un successo degli ultimi 40 anni

    La Commissione Scenari dell’ASPA, di cui chi scrive è presidente, ha per compito la costruzione di scenari zootecnici per le principali produzioni nazionali al 2030. Per fare ciò la commissione ha iniziato ad analizzare, in termini...

    06-02-2019
  • Accordo Ismea-Enm per il microcredito in ambito agricolo

    Promuovere lo strumento del microcredito agricolo come opportunità di sostegno economico e finanziario alle microimprese. È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione siglato il 30 gennaio 2019 dall'Ente nazionale per il...

    01-02-2019
  • Antibiotico-resistenza, il ruolo della nutrizione animale

    La nutrizione animale potrebbe svolgere un ruolo importante nella lotta contro l’antibiotico-resistenza. Lo hanno affermato i rappresentanti dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) e dell'International feed...

    25-01-2019
  • Polizze agricole, divario tra nord e sud

    Il mercato delle assicurazioni agricole agevolate continua a mostrare un ampio divario tra nord e sud Italia. Lo evidenzia il rapporto: “La gestione del rischio nell'agricoltura del Mezzogiorno”, realizzato dall’Ismea (Istituto di servizi per...

    25-01-2019
  • Sistema di epidemiosorveglianza, i compiti del veterinario aziendale

    I compiti del veterinario aziendale all’interno del sistema di epidemiosorveglianza sono descritti nel manuale operativo: “Sistema di reti di epidemiosorveglianza ed i compiti, le responsabilità ed i requisiti professionali del Veterinario...

    24-01-2019