Victam
  • Fefac: bene accordo Ue-Usa su rafforzamento relazioni commerciali

    Print

    Previsto aumento dell’acquisto di soia statunitense

    Soia %c2%a9 dusan kostic   fotolia

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) accoglie con favore la dichiarazione congiunta dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, che annuncia il rafforzamento delle relazioni commerciali tra i due Paesi e l’aumento degli acquisti, da parte degli Stati membri dell’Ue, della soia statunitense. L’accordo prevede anche l’avvio di un dialogo più stretto per facilitare gli scambi commerciali tra Usa ed Europa, con l’obiettivo di eliminare le barriere doganali.

    Secondo Fefac, l’intesa andrà a beneficio dell’Unione Europea ma anche del commercio agroalimentare degli Usa, in particolare delle importazioni di soia statunitense e di altri cereali da utilizzare come materie prime per mangimi. “L'industria mangimistica europea continuerà ancora per molti anni a fare affidamento sulle proteine vegetali importate – afferma Nick Major, Presidente Fefac -, per sostenere un'industria zootecnica competitiva e sostenibile”.

    Facendo riferimento alla persistente situazione di siccità che interessa aree sempre più estese dell'Europa settentrionale e centrale, il Presidente Major sottolinea che “è possibile che nella campagna in corso l’Unione Europea dovrà aumentare le importazioni di soia e altri cereali da utilizzare per la produzione di mangimi, per provvedere al mantenimento della popolazione di animali”.

    Major ha anche espresso preoccupazione per la potenziale introduzione di nuove barriere non tariffarie europee sulla soia e sui cereali statunitensi, sulla base della sentenza della Corte di giustizia europea sulla mutagenesi. “L’inserimento delle nuove tecniche di mutagenesi nell'ambito della direttiva europea 2001/18 potrebbe potenzialmente determinare conseguenze indesiderate, ostacolando l’accesso del mercato europeo alle importazioni di soia statunitense e degli altri cereali usati nei mangimi e minando l’obiettivo del ‘Piano europeo delle proteine’ di ridurre il deficit proteico dell’Unione Europea”.

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia

    redazione 28-07-2018 Tag: FEFACUsaUEsoiascambi commercialimangimiimportazioni
Articoli correlati
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019
  • Brexit: associazioni del comparto agroalimentare spiegano come affrontare il “no deal”

    L’Unione Europea dovrebbe prepararsi ad affrontare lo scenario di una Brexit senza accordi. Lo affermano Copa Cogeca (la confederazione di tutti gli agricoltori e le cooperative agricole in Europa), Celcaa (l'associazione delle organizzazioni europee che...

    13-02-2019
  • Mangimi, produzione record nel 2018: superati 1,1 miliardi di tonnellate

    Nel 2018 la produzione globale di mangimi ha stabilito un nuovo record: è cresciuta del 3% rispetto all’anno precedente, fino a superare 1,1 miliardi di tonnellate. Lo rileva il rapporto “2019 Alltech Global Feed Survey” pubblicato dalla...

    10-02-2019
  • Soia americana, il rapporto con l'Italia

    Una delegazione di produttori statunitensi di soia è giunta in Italia per confermare la partnership commerciale tra gli Stati Uniti e il Belpaese. I rappresentanti dell’U.S. Soybean export council (Ussec) - il Comitato per l’export della soia...

    07-02-2019
  • Zootecnia e mangimistica italiana, un successo degli ultimi 40 anni

    La Commissione Scenari dell’ASPA, di cui chi scrive è presidente, ha per compito la costruzione di scenari zootecnici per le principali produzioni nazionali al 2030. Per fare ciò la commissione ha iniziato ad analizzare, in termini...

    06-02-2019