• Mais, la ripresa dell'Argentina

    Print
    Mais pannocchie cereali   seeyou   c. steps   fotolia.com

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina: Grain and Feed Update” pubblicato dal Servizio agricoltura estera del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti (Usda), che prevede la crescita dei raccolti e dell'impiego del granoturco argentino durante la campagna di commercializzazione 2018/19.

    L’Usda precisa che a causa della grave siccità che ha caratterizzato la scorsa estate, nel corso della campagna 2017/18 sono andati persi 150-200.000 ettari di mais. Inoltre, le esportazioni del cereale sono diminuite di circa 22 milioni di tonnellate. Nella stagione 2018/19 le condizioni meteorologiche dovrebbero invece essere migliori, per cui si prevede un aumento dell’area coltivata con il granoturco, che raggiungerà i 5,3 milioni di ettari, e un incremento della produzione, che dovrebbe toccare i 41,5 milioni di tonnellate – circa 13 milioni di tonnellate in più rispetto alla campagna precedente. Infine, l’Usda stima che dovrebbe crescere anche l’impiego del mais, grazie alla continua espansione degli allevamenti di bestiame e della produzione lattiero-casearia.

    Il documento precisa che durante la campagna di commercializzazione 2017/18 il raccolto di orzo è diminuito di circa 240.000 tonnellate, e che circa 60-80.000 ettari sono stati persi a causa della pioggia eccessiva. Nella stagione 2018/19 la superficie destinata alla coltivazione dell’orzo dovrebbe essere di circa 1 milione di ettari, mentre la produzione totale del cereale dovrebbe raggiungere circa 3,85 milioni di tonnellate – una quantità inferiore rispetto alle precedenti previsioni dell’Usda. Secondo il rapporto, durante la campagna di commercializzazione 2018/19 la produzione di grano dovrebbe raggiungere la soglia record di circa 19,5 milioni di tonnellate, mentre i terreni seminati con il cereale dovrebbe superare i 6 milioni di ettari. Tuttavia, l’Usda stima che le esportazioni di grano argentino dovrebbero diminuire, scendendo a 13,6 milioni di tonnellate.

    Foto: © seeyou | c. steps - Fotolia.com

    red. 13-08-2018 Tag: maisArgentinacerealiorzogranoUSDA
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019