Victam
  • Completato sequenziamento genoma del grano

    Print

    Lo rivela uno studio internazionale pubblicato su Science

    Grano agricoltura %c2%a9 mozzz   fotolia.com

    Completato il sequenziamento del genoma del grano: grazie alle informazioni genetiche raccolte, sarà possibile coltivare varietà di piante resistenti alle malattie e ai cambiamenti climatici. Inoltre, sarà possibile migliore la qualità nutrizionale e il rendimento del cereale, in modo da contribuire a soddisfare il crescente fabbisogno alimentare della popolazione mondiale. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Science dall'International Wheat Genome Sequencing Consortium, un gruppo di ricerca internazionale costituito da oltre 200 scienziati che operano in 73 istituti di ricerca dislocati in 20 paesi diversi.

    Gli studiosi spiegano che riuscire a terminare il sequenziamento del genoma del cereale ha rappresentato per lungo tempo una grande sfida. Il grano è, infatti, dotato di tre sotto-genomi e una vasta parte del suo Dna è composta da elementi ripetitivi: ciò significa che ampie parti del genoma sono molto simili, se non identiche, l'una all'altra. Questo, precisano gli autori, ha reso difficile poter distinguere ogni sotto-genoma e mettere insieme tutti i dati genetici nell’ordine corretto. Ma al termine dell’analisi, i ricercatori sono riusciti a individuare nel dettaglio la sequenza dei 21 cromosomi, la posizione precisa di 107.891 geni e più di 4 milioni di marcatori molecolari, così come le “istruzioni” che regolano l'espressione dei geni. Grazie a questa scoperta, gli scienziati ritengono che sarà possibile migliorare il rendimento e la qualità nutrizionale del cereale, oltra alla sua resistenza alle malattie delle piante, alla siccità e alle avversità climatiche.

    “Il genoma è uno strumento che consente di affrontare le sfide legate alla sicurezza alimentare e ai cambiamenti ambientali – sottolinea Ricardo H. Ramirez-Gonzalez del John Innes Centre di Norwich (Regno Unito), che ha preso parte alla ricerca -. Crediamo che nei prossimi anni saremo in grado di migliorare le caratteristiche del grano, così come è già avvenuto con il riso e con il mais in seguito al sequenziamento del loro genoma”.

    Foto: © mozZz - Fotolia.com

    redazione 30-08-2018 Tag: granogenomacambiamenti climaticisicurezza alimentarericerca
Articoli correlati
  • Stati Uniti, in ritardo semina di mais e altri cereali

    Negli Stati Uniti le condizioni meteorologiche avverse avrebbero ritardato la semina del mais e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli...

    23-04-2019
  • Fao e Wfp: nel 2018 insicurezza alimentare acuta in 53 paesi

    Nel 2018 circa 113 milioni di persone in 53 paesi hanno sperimentato gravi livelli di “insicurezza alimentare acuta”: l'impossibilità di consumare cibo a sufficienza, che mette le persone e i loro mezzi di sostentamento in immediato pericolo....

    09-04-2019
  • Materie prime agricole, il ruolo delle piogge nell'allocazione delle produzioni

    Entro il 2040 le colture di grano, soia, riso e mais dovranno adattarsi al cambiamento delle condizioni climatiche: le piogge saranno meno frequenti in Europa, Africa, Australia e Sud America, mentre saranno più assidue nelle nazioni settentrionali e in...

    05-04-2019
  • Usa, in calo piantagioni di soia

    Nel 2019 le piantagioni statunitensi di soia dovrebbero diminuire, mentre quelle del mais dovrebbero aumentare. Nel frattempo, le scorte del legume sono cresciute, mentre quelle del cereale sono scese. Lo evidenziano i rapporti “Prospective...

    04-04-2019
  • Il futuro del settore mangimistico e alimentare, focus durante 6° Gffc

    Le sfide che il settore mangimistico e il comparto alimentare dovranno affrontare nei prossimi anni sono state al centro della sesta edizione del “Global feed & food congress 2019 (Gffc)”, che si è svolto dall'11 al 13 marzo 2019 a Bangkok...

    27-03-2019