• Argentina, produzione di soia in calo a causa della siccità

    Print

    In aumento le importazioni del legume

    Soia gm

    A causa della siccità, il raccolto di soia in Argentina nella stagione 2017-18 dovrebbe fermarsi a 36 milioni di tonnellate, il 37% in meno rispetto alle stime effettuate all'inizio dell'anno. Lo rivela il rapporto: “Global agricultural information network (Gain)” pubblicato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui la scarsità d’acqua avrebbe provocato un danno significativamente più grave di quanto inizialmente previsto, riducendo del 22% la resa media nazionale, che si fermerebbe a 2,12 tonnellate per ettaro.

    L'Usda precisa che solo alcune aree, quelle situate a nord di Buenos Aires, a sud di Santa Fe e nelle province di Cordova est, hanno resistito all'impatto della siccità e hanno mantenuto una resa media pari a 2,7 tonnellate per ettaro o leggermente superiore. Questa situazione ha finito per influenzare l’import: nel primo semestre del 2018 le importazioni di soia sono state di 2,72 milioni di tonnellate, più del doppio rispetto a quelle registrate nello stesso periodo dello scorso anno. Questo dato va letto alla luce del fatto che l'Argentina è il terzo produttore mondiale di soia e il principale esportatore di olio e farina di soia, grazie a una capacità di macinazione pari a 67 milioni di tonnellate.

    Nel gennaio 2016, il paese sudamericano ha revocato il divieto d’importare la soia per aumentare la portata della macinazione del legume, in un momento in cui il settore della trasformazione aveva una capacità inferiore al 30%. L'Usda precisa che negli ultimi due anni l'Argentina ha quindi importato la soia paraguaiana, che in genere possiede un contenuto proteico più elevato. In questo modo ha accresciuto i livelli della macinazione e ha aumentato le caratteristica proteiche della farina di soia. Quest’anno, il calo della produzione interna ha indotto l'Argentina a importare il legume anche dagli Stati Uniti e dal Brasile.

    Sulla base degli ultimi dati sull’import, l’Usda prevede che le importazioni di soia continueranno a crescere rapidamente nel resto dell'anno, fino a raggiungere i 4,5 milioni di tonnellate nella stagione 2017-18. Nello stesso tempo, le esportazioni del legume dovrebbero diminuire di 3 milioni di tonnellate e le scorte finali di 9,06 milioni di tonnellate.

    redazione 04-09-2018 Tag: soiaArgentinaimportazioniesportazioniproduzione
Articoli correlati
  • Soia, Cina, Usa e la battaglia delle proteine vegetali

    La guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti non sta influenzando soltanto gli scambi commerciali tra i due Paesi, ma sta determinando cambiamenti nelle politiche economiche interne dello stato asiatico. Lo evidenzia il rapporto: “Foreign Agricultural...

    08-11-2018
  • Soia, individuati i geni che rendono le piante resistenti agli afidi

    Individuati nelle piante di soia i geni responsabili della resistenza agli afidi (o pidocchi delle piante), una famiglia d’insetti che ogni anno provoca la perdita di numerosi raccolti. La scoperta, riportata sulla rivista The Plant Genome, è stata...

    27-10-2018
  • Soia: produzione e stoccaggio. La situazione negli Stati Uniti

    La guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina potrebbe generare un problema di stoccaggio della soia negli Usa. La battaglia tariffaria si sarebbe verificata proprio in un’annata record per la produzione del legume, per cui parte del raccolto rischia di...

    24-10-2018
  • Igc, in aumento produzione globale di cereali

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.072 miliardi di tonnellate. Si tratta di un valore inferiore rispetto ai 2.095 miliardi di tonnellate raccolti nel periodo 2017-18, ma superiore ai 2.063 miliardi di tonnellate...

    19-10-2018
  • Frumento, ripresa delle quotazioni nella campagna 2017/18

    La campagna di commercializzazione 2017/18 del frumento si è chiusa registrando una ripresa delle quotazioni all'origine, che rispetto allo scorso anno sono cresciute dell’8,3% per il frumento duro e del 7,1% per il frumento tenero. È quanto...

    05-10-2018