• Argentina, produzione di soia in calo a causa della siccità

    Print

    In aumento le importazioni del legume

    Soia gm

    A causa della siccità, il raccolto di soia in Argentina nella stagione 2017-18 dovrebbe fermarsi a 36 milioni di tonnellate, il 37% in meno rispetto alle stime effettuate all'inizio dell'anno. Lo rivela il rapporto: “Global agricultural information network (Gain)” pubblicato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui la scarsità d’acqua avrebbe provocato un danno significativamente più grave di quanto inizialmente previsto, riducendo del 22% la resa media nazionale, che si fermerebbe a 2,12 tonnellate per ettaro.

    L'Usda precisa che solo alcune aree, quelle situate a nord di Buenos Aires, a sud di Santa Fe e nelle province di Cordova est, hanno resistito all'impatto della siccità e hanno mantenuto una resa media pari a 2,7 tonnellate per ettaro o leggermente superiore. Questa situazione ha finito per influenzare l’import: nel primo semestre del 2018 le importazioni di soia sono state di 2,72 milioni di tonnellate, più del doppio rispetto a quelle registrate nello stesso periodo dello scorso anno. Questo dato va letto alla luce del fatto che l'Argentina è il terzo produttore mondiale di soia e il principale esportatore di olio e farina di soia, grazie a una capacità di macinazione pari a 67 milioni di tonnellate.

    Nel gennaio 2016, il paese sudamericano ha revocato il divieto d’importare la soia per aumentare la portata della macinazione del legume, in un momento in cui il settore della trasformazione aveva una capacità inferiore al 30%. L'Usda precisa che negli ultimi due anni l'Argentina ha quindi importato la soia paraguaiana, che in genere possiede un contenuto proteico più elevato. In questo modo ha accresciuto i livelli della macinazione e ha aumentato le caratteristica proteiche della farina di soia. Quest’anno, il calo della produzione interna ha indotto l'Argentina a importare il legume anche dagli Stati Uniti e dal Brasile.

    Sulla base degli ultimi dati sull’import, l’Usda prevede che le importazioni di soia continueranno a crescere rapidamente nel resto dell'anno, fino a raggiungere i 4,5 milioni di tonnellate nella stagione 2017-18. Nello stesso tempo, le esportazioni del legume dovrebbero diminuire di 3 milioni di tonnellate e le scorte finali di 9,06 milioni di tonnellate.

    redazione 04-09-2018 Tag: soiaArgentinaimportazioniesportazioniproduzione
Articoli correlati
  • Frumento, lieve aumento delle quotazioni in luglio

    La campagna di commercializzazione 2018/19 del frumento, che si è aperta a luglio, registra un lieve aumento delle quotazioni del cereale: i prezzi del frumento duro sono saliti del 3,3%, fino a raggiungere i 201,45 euro/t, mentre quelli del frumento...

    04-09-2018
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • IGC: soia verso annata record, in calo la produzione di grano

    Previsioni in chiaroscuro per il settore cerealicolo mondiale. Se la produzione di grano e altri cereali è prevista in calo, per il mais e la soia i mercati saranno più dinamici. Sono le indicazioni degli esperti dell'International Grains Council...

    02-08-2018
  • Fefac: bene accordo Ue-Usa su rafforzamento relazioni commerciali

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) accoglie con favore la dichiarazione congiunta dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, che annuncia il rafforzamento delle relazioni commerciali...

    28-07-2018
  • Usda: migliora qualità della soia, resta stabile quella del mais

    La qualità della soia prodotta quest’anno negli Stati Uniti è migliore delle aspettative: il 70% del raccolto rientra nella categoria “da buono a eccellente”. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    25-07-2018