• I formaggi hanno più di settemila anni

    Print
    Formaggi

    Gli umani hanno iniziato a mangiare il formaggio più di 7mila anni fa. Lo rivela uno studio pubblicato su Plos One dai ricercatori dell’Università statale della Pennsylvania di University Park (Usa), che hanno ritrovato tracce di prodotti lattiero-caseari, sotto forma di acidi grassi, in alcune ceramiche risalenti a 7.200 anni fa.

    Gli scienziati hanno analizzato la presenza di residui organici all’interno dei recipienti in ceramica rinvenuti in due villaggi della Dalmazia (Croazia), Pokrovnik e Danilo Bitinj. Hanno così scoperto tracce di carne, pesce, latte e formaggi in diversi contenitori, e utilizzato il metodo di datazione al radiocarbonio su ossa e semi per determinare l'età della ceramiche. Al termine dell’indagine, sono giunti alla conclusione che i prodotti lattiero-caseari sono stati consumati dall’uomo parecchio tempo prima rispetto a quanto si credesse: almeno a partire da 7.200 anni fa – le precedenti scoperte facevano risalire questa data a circa 5 mila anni fa.

    Gli scienziati hanno osservato che il latte veniva bevuto circa 500 anni prima: la sua presenza è stata infatti rilevata nei contenitori risalenti a 7.700 anni fa. Ma nei 5 secoli successivi non si è verificato soltanto lo spostamento dal consumo di latte puro a quello dei prodotti a base di latte fermentato, ma anche un cambiamento nello stile e nella forma dei vasi di ceramica, che sono stati realizzati in modo da poter contenere il formaggio. Inoltre, sono stati creati dei setacci, che venivano utilizzati per separare la cagliata dal siero di latte. Tre dei quattro setacci rinvenuti in Dalmazia mostravano, infatti, tracce della lavorazione del formaggio o di altri prodotti lattiero-caseari fermentati.

    “La produzione di formaggio è stata così importante da spingere a produrre nuovi tipi di utensili da cucina – spiega Sarah B. McClure, che ha diretto la ricerca -. Possiamo osservare un cambiamento culturale. Questa è la prima testimonianza del ritrovamento di residui lipidici documentati relativi ai prodotti lattiero-caseari fermentati nella regione mediterranea, e tra i primi che sono stati documentati fino ad oggi”.

    redazione 12-09-2018 Tag: formaggilatteprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Consumi alimentari domestici: spesa in crescita per carni e salumi, stabile per prodotti ittici

    Nel primo trimestre del 2019 la spesa delle famiglie italiane per i prodotti alimentari è cresciuta dello 0,8% rispetto all’anno precedente. Lo evidenzia il rapporto: “Consumi alimentari -I consumi domestici delle famiglie italiane”...

    08-07-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019
  • UE, mercato lattiero-caseario in ripresa

    Nel primo trimestre del 2019 la ripresa della domanda mondiale di commodity ha influenzato positivamente il mercato lattiero-caseario europeo. Lo evidenzia il rapporto “Lattiero caseari: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato dall’Ismea...

    24-05-2019
  • Commodities alimentari, a marzo prezzi stabili

    A marzo i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti sostanzialmente stabili. L’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e della carne è stato, infatti, compensato dal calo dei listini dei cereali, dell'olio vegetale e dello...

    07-04-2019
  • Formaggi made in Italy, export registra nuovo record

    Nel 2018 le esportazioni di formaggi e latticini made in Italy hanno registrato un nuovo record. Nonostante il rallentamento della crescita, le vendite sui mercati esteri hanno raggiunto i 2,8 miliardi di euro. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per...

    30-03-2019