Victam
  • Migliorare qualità del suolo per ridurre riscaldamento globale

    Print
    Terra %c2%a9 andrey kuzmin   fotolia.com

    Migliorare la qualità del suolo potrebbe aiutare a ridurre il riscaldamento globale. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances dagli scienziati dell’Università della California di Berkeley (Usa), secondo cui l’impiego delle migliori pratiche in agricoltura e negli allevamenti consentirebbe di estrarre quantità significative di carbonio dall'atmosfera e di limitare gli impatti negativi dei cambiamenti climatici.

    Nel corso dell’indagine, i ricercatori hanno realizzato un modello che permette di esaminare gli effetti sul clima dell’adozione degli approcci di gestione agricola che aumentano il sequestro del carbonio da parte del terreno. L’analisi ha evidenziato che l’utilizzo a livello globale di pratiche agricole consolidate, come l’impiego di colture di copertura e la semina dei legumi nei terreni destinati al pascolo, potrebbe consentire di sequestrare carbonio dall'atmosfera e d’immagazzinarlo nel suolo, contribuendo a ridurre significativamente il riscaldamento globale internazionale. Nello specifico, se associate a una riduzione consistente delle emissioni di carbonio, le tecniche di gestione agricola potrebbero ridurre le temperature globali di 0,26 gradi Celsius - quasi mezzo grado Fahrenheit - entro il 2100.

    Gli scienziati aggiungono che nello studio hanno preso in considerazione soltanto i metodi consolidati. Non hanno quindi incluso le nuove pratiche, come il compostaggio, che non sono state ancora studiate in modo approfondito, né la possibilità di migliorare la qualità del suolo nei terreni abbandonati. Entrambe queste misure, spiegano i ricercatori, potrebbero aumentare ulteriormente il sequestro del carbonio nel suolo. “L’obiettivo del nostro lavoro era quello di esaminare l'effetto sulla temperatura dell'attuazione dei sistemi a bassa tecnologia già utilizzati in ambito agricolo nei paesi sviluppati e in quelli in via di sviluppo – spiega Allegra Mayer, che ha diretto la sperimentazione -. Teoricamente molte di queste pratiche potrebbero essere adottate subito e in maniera diffusa”.

    Foto: © Andrey Kuzmin - Fotolia.com

    redazione 13-09-2018 Tag: suolocambiamenti climaticicarbonioriscaldamento globale
Articoli correlati
  • Fao e Wfp: nel 2018 insicurezza alimentare acuta in 53 paesi

    Nel 2018 circa 113 milioni di persone in 53 paesi hanno sperimentato gravi livelli di “insicurezza alimentare acuta”: l'impossibilità di consumare cibo a sufficienza, che mette le persone e i loro mezzi di sostentamento in immediato pericolo....

    09-04-2019
  • Materie prime agricole, il ruolo delle piogge nell'allocazione delle produzioni

    Entro il 2040 le colture di grano, soia, riso e mais dovranno adattarsi al cambiamento delle condizioni climatiche: le piogge saranno meno frequenti in Europa, Africa, Australia e Sud America, mentre saranno più assidue nelle nazioni settentrionali e in...

    05-04-2019
  • Sorgo, vantaggioso incentivarne l'uso di negli alimenti e nei mangimi

    Occorre promuovere l'uso del sorgo negli alimenti e nei mangimi in Europa, Russia e Ucraina: lo sostengono gli esperti intervenuti al secondo “Congresso internazionale sul sorgo” che si è svolto dal 7 all'8 novembre 2018 a Milano. L'evento ha...

    27-11-2018
  • Cambiamento climatico e rischio micotossine

    I cambiamenti climatici potrebbero aumentare il rischio che le colture vengano contaminate con le micotossine. Lo ha dichiarato al sito FeedNavigator il professor Naresh Magan, Professore di Micologia applicata presso l’Università di Cranfield...

    01-11-2018
  • I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due...

    20-10-2018