• I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    Print
    Biotecnologia ogm cereali mangimi sicurezza alimentare controlli %c2%a9 alex011973   fotolia

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due ricercatori dell'Isaaa (Servizio internazionale per l’acquisizione delle applicazioni agrobiotecnologiche) e della PG Economics Ltd di Dorchester (Regno Unito), secondo cui in 20 anni le colture biotech avrebbero permesso di ottenere guadagni pari a 186,1 miliardi di dollari.

    La prima indagine evidenzia che nel 2017 l'area globale coltivata con gli Ogm è aumentata del 3%, ossia di 4,7 milioni di ettari. Gli scienziati spiegano che l’incremento è dovuto principalmente alla maggiore redditività derivante dall'aumento dei prezzi delle materie prime, dalla crescita della domanda di mercato a livello nazionale e internazionale, e dalla presenza di nuove tecnologie. In particolare, sottolineano che attualmente i paesi in via di sviluppo rappresentano il 53% dell'area globale coltivata con i semi Gm, e che questa decisione nasce dall’esigenza di migliorare le condizioni economiche e soddisfare il fabbisogno alimentare della popolazione.

    Il secondo studio condotto da PG Economics sottolinea che dal 1996 al 2016 le colture Gm hanno permesso di ottenere guadagni pari a 186,1 miliardi di dollari a circa 17 milioni di agricoltori, molti dei quali sono donne e piccoli agricoltori responsabili del sostentamento delle loro famiglie e comunità. Inoltre, l’indagine ha rilevato che grazie all’impiego degli Ogm sono stati compiuti significativi passi avanti in due campi: la riduzione delle emissioni inquinanti rilasciate dalle attività agricole, e le iniziative volte a mitigare il riscaldamento globale e a favorire l’adattamento ai cambiamenti climatici.

    “Le colture biotech offrono enormi benefici per l'ambiente, la salute degli esseri umani e degli animali, e contribuiscono a migliorare le condizioni socioeconomiche degli agricoltori e della popolazione – spiega Paul S. Teng, Presidente dell'Isaaa -. La recente produzione di colture biotech di nuova generazione, comprese le mele e le patate che non possono guastarsi o danneggiarsi, e l'autorizzazione alla commercializzazione di una canna da zucchero resistente agli insetti, forniscono un'offerta più diversificata ai consumatori e ai produttori alimentari”.

    Foto: © Alex011973 - Fotolia

    red. 20-10-2018 Tag: agricolturaogmcambiamenti climaticisalute umanabenessere animaleambiente
Articoli correlati
  • Chi si oppone agli Ogm sa meno di quanto pensa di sapere

    Le persone che esprimono le opinioni più estreme nei confronti degli organismi geneticamente modificati (Ogm) sono convinte di essere esperte in materia, ma in realtà sarebbero meno informate delle altre. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla...

    20-01-2019
  • Unione Europea, nuovi regolamenti su medicinali veterinari e mangimi medicati

    Il 7 gennaio 2019 sono stati pubblicati sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea i nuovi regolamenti in materia di medicinali veterinari e mangimi medicati. Lo comunica il Ministero della Salute, evidenziando che i testi si trovano nel pacchetto...

    16-01-2019
  • Pef, Fefac sostiene proposta della Commissione Europea

    In relazione alla possibile applicazione del Pef (Product environmental footprint - Impronta ambientale del prodotto), la Federazione dei produttori europei di mangimi composti Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha espresso il proprio sostegno alla...

    10-01-2019
  • Cina, via libera all'importazione per cinque colture Ogm

    L'8 gennaio la Cina ha autorizzato l'importazione di cinque colture geneticamente modificate. Lo riporta il sito World Grain, sottolineando che la decisione potrebbe accrescere gli acquisti cinesi di cereali dall'estero e in particolare dagli Stati Uniti, il...

    09-01-2019
  • New breeding techniques, 85 centri di ricerca contro la sentenza Ue

    La comunità scientifica in campo contro la Corte di Giustizia europea. Più di 85 fra enti e istituti di ricerca europei hanno sottoscritto un position paper in cui criticano duramente la recente decisione dei giudici di equiparare agli Ogm i...

    07-01-2019