Victam
  • Unione Europea, stabile export prodotti agroalimentari

    Print
    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    Tra settembre 2017 e agosto 2018 le esportazioni dei prodotti agroalimentari dell’Unione Europea sono rimaste tendenzialmente stabili. Lo evidenzia il rapporto “Monitoring EU agri-food trade: Development until August 2018” pubblicato dalla Commissione Europea il 26 ottobre, secondo cui nel periodo considerato è stata registrata una variazione dello 0,1% rispetto ai 12 mesi precedenti.

    La Commissione Europea precisa che lo scorso agosto le esportazioni sono diminuite del 2%, fermandosi a 11,3 miliardi di euro, mentre le importazioni sono scese dello 0,6%, attestandosi a 9,1 miliardi di euro. Rispetto al mese di agosto 2017, l’export dei prodotti agroalimentari made in UE è aumentato soprattutto verso l’Algeria (oltre 31 milioni di euro), l’Arabia Saudita (30 milioni di euro) e Singapore (27 milioni di euro). Sono invece diminuite le esportazioni verso la Cina (79 milioni di euro), la Turchia (37 milioni di euro) e l'Iran (34 milioni di euro).
    Per quanto riguarda la tipologia dei prodotti, le esportazioni dei cereali diversi dal grano e dal riso hanno registrato un aumento significativo, pari a 51 milioni di euro. Inoltre, l’export dello zucchero è cresciuto di 34 milioni di euro, mentre quello di pasta e pane di 32 milioni di euro.

    Le importazioni in Europa dei prodotti agroalimentari provenienti dagli Stati Uniti hanno registrato un incremento di 186 milioni di euro rispetto ad agosto 2017. Ma sono aumentati anche gli acquisti dal Sudafrica (57 milioni di euro) e dalla Russia (56 milioni di euro). Sono invece diminuite di 109 milioni di euro le importazioni dalla Costa d'Avorio, di 64 milioni di euro dall’Argentina e di 58 milioni di euro dal Paraguay.
    Sono aumentati, in particolari, gli acquisti della soia, cresciuti di 101 milioni di euro, e del grano, che ha registrato un incremento di 38 milioni di euro, mentre sono diminuite le importazioni di altri cereali e dello zucchero.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    redazione 18-11-2018 Tag: Unione Europeaagroalimentareimportazioniesportazioni
Articoli correlati
  • Gallinella: “Accordi di filiera necessari per aumentare la produzione agricola”

    L’onorevole Filippo Gallinella presiede dallo scorso giugno la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. Mangimi&Alimenti l’ha intervistato per parlare delle questioni principali in materia di agroalimentare nell’agenda dei lavori...

    18-02-2019
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019
  • Brexit: associazioni del comparto agroalimentare spiegano come affrontare il “no deal”

    L’Unione Europea dovrebbe prepararsi ad affrontare lo scenario di una Brexit senza accordi. Lo affermano Copa Cogeca (la confederazione di tutti gli agricoltori e le cooperative agricole in Europa), Celcaa (l'associazione delle organizzazioni europee che...

    13-02-2019
  • Infrastrutture per la crescita dell’agroalimentare italiano

    C’è un dibattito che va avanti da alcuni mesi in Italia sul futuro del nostro sistema di infrastrutture. Un dibattito alimentato dalla consapevolezza che la crescita dell’economia nazionale e l’aumento delle nostre capacità di...

    11-02-2019
  • Soia americana, il rapporto con l'Italia

    Una delegazione di produttori statunitensi di soia è giunta in Italia per confermare la partnership commerciale tra gli Stati Uniti e il Belpaese. I rappresentanti dell’U.S. Soybean export council (Ussec) - il Comitato per l’export della soia...

    07-02-2019