Victam
  • Usa, produzione di mais e soia in calo

    Print
    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    La produzione di mais e soia negli Stati Uniti dovrebbe essere inferiore alle aspettative. Lo evidenzia il rapporto “Crop production” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui nella stagione 2018 la produzione statunitense di mais dovrebbe raggiungere 14.626 miliardi di bushel, l'1% in meno rispetto ai 14.778 miliardi di bushel previsti nel mese di ottobre. Si tratta comunque di un ammontare più alto dello 0,2% rispetto ai 14.604 miliardi di bushel registrati nel 2017 e il secondo valore più alto registrati dopo i 15.148 miliardi di bushel raccolti nel 2016. La produzione di soia dovrebbe attestarsi a 4.600 miliardi di bushel, l'1,9% in meno rispetto ai 4.690 miliardi di bushel previsti a ottobre, anche se in aumento del 4,3% rispetto ai 4.411 miliardi di bushel raccolti un anno fa.

    Sulla base delle condizioni presenti il 1° novembre, l’Usda stima che la produzione media di mais nel 2018 dovrebbe essere pari a 178,9 bushel per acro, in calo di 1,8 bushel rispetto alle previsioni di ottobre ma 2,3 bushel in più rispetto al 2017. L'area raccolta sarebbe pari a 81,8 milioni di acri, lo stesso valore di ottobre, ma più basso dell'1,1% rispetto al 2017.

    La resa media della soia in base alle condizioni del 1° novembre dovrebbe essere pari a 52,1 bushel per acro, 1 bushel in meno rispetto a ottobre ma 2,8 bushel in più rispetto al 2017. L'area raccolta sarebbe pari a 88,3 milioni di acri, in calo di 5.000 acri rispetto a ottobre e dell'1,2% rispetto all’anno scorso.

    Nel rapporto “World Agricultural Supply and Demand Estimates”, l’Usda ha rivisto al ribasso rispetto a ottobre le stime sulle scorte di mais negli Stati Uniti per il 2019, che dovrebbero essere pari a 1.736 milioni di bushel, il 4,3% in meno rispetto alle precedenti previsioni. Ha quindi precisato che il calo della produzione ha più che compensato la riduzione dell’utilizzo del cereale nei mangimi e delle esportazioni. prevista per la stagione 2018-19.

    L'Usda ha modificato anche le previsioni sulle scorte di soia statunitensi nel 2019, che dovrebbero essere pari a 955 milioni di bushel, l'8% in più rispetto alle stime di ottobre. L’aumento delle riserve è il risultato del calo delle esportazioni e dell’uso dei semi, che hanno compensato la riduzione della produzione.

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    red. 21-11-2018 Tag: soiamaisUSDAproduzionescorte
Articoli correlati
  • Carni ovicaprine, in crescita produzione ed export

    Nella stagione 2017/18 la produzione di carni ovicaprine è aumentata dell’1,6%, anche se il numero dei capi macellati è diminuito del 3,4%. Lo evidenzia il rapporto “Carne ovicaprina: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato...

    23-05-2019
  • Giornata del mais 2019, trinciati e tavolo tecnico permanente al centro dei lavori

    Il 25 gennaio 2019 si è svolta la Giornata del mais, organizzata a Bergamo dal CREA Centro di ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali. Il convegno ha visto un’ampia partecipazione da parte di esperti e operatori della filiera a dimostrazione...

    19-05-2019
  • Uova da consumo, produzione italiana pari a quasi 1 miliardo di euro

    Nel 2018 sono stati prodotti in Italia oltre 12,2 miliardi di uova, pari a circa 772 mila tonnellate di prodotto. Lo evidenzia il rapporto: “Il comparto delle uova da consumo 2018” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato...

    29-04-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina di mais e altri cereali

    Negli Stati Uniti le condizioni meteorologiche avverse avrebbero ritardato la semina del mais e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli...

    23-04-2019
  • Mais, impiego di funghi autoctoni efficace contro aflatossine

    L’impiego di funghi autoctoni di Aspergillus flavus incapaci di produrre micotossine potrebbe proteggere le piantagioni di mais dalla contaminazione da aflatossine. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy Journal dagli scienziati della North...

    06-04-2019