Victam
  • Pef, Fefac sostiene proposta della Commissione Europea

    Print
    Allevamenti bovini

    In relazione alla possibile applicazione del Pef (Product environmental footprint - Impronta ambientale del prodotto), la Federazione dei produttori europei di mangimi composti Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha espresso il proprio sostegno alla volontà della Commissione Europea di promuovere lo sviluppo di una metodologia Lca (Life cycle assessment) comune e omogenea, che consenta una misurazione coerente, trasparente e affidabile dei carichi ambientali di un prodotto.

    Fefac, inoltre, ritiene che qualsiasi futura iniziativa politica (o commerciale) dell'Unione Europea connessa alla misurazione degli effetti ambientali associati alla produzione dei mangimi dovrebbe basarsi sul documento: “Pefcr Feed for Food-Producing Animals” - che illustra la metodologia da seguire per definire l'impronta ambientale della produzione mangimistica -, come riferimento essenziale per ottenere risultati trasparenti e comparabili sulle indicazioni dei prodotti.

    Il parere espresso da Fefac è stato presentato alla Commissione Europea insieme alle proposte della Federazione relative alla consultazione pubblica sulle potenziali politiche di attuazione dei metodi per misurare l'impronta ambientale dei prodotti. Fefac ha anche iniziato a diffondere tra i suoi membri la bozza di un documento, strutturato in domande e risposte, che intende facilitare la comprensione del coinvolgimento della Federazione nell’attuazione delle metodologie Pef e Gfli (Global Lca catabase) e il loro valore nella misurazione dei carichi ambientali della produzione di mangimi.

    red. 10-01-2019 Tag: PefmangimiambienteFEFACCommissione europea
Articoli correlati