Victam
  • Carni bovine, mercato europeo mostra incertezze

    Print

    In crescita consumi delle famiglie italiane

    Carne %c2%a9 contrastwerkstatt   fotolia

    Nonostante la tenuta dei consumi, il mercato europeo delle carni bovine presenta numerose incertezze. Lo rivela il rapporto: “Tendenze bovino da carne” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui l’incognita maggiore sarebbe rappresentata dalla concorrenza estera a seguito delle maggiori disponibilità in ambito europeo.

    Effetti del clima - L’Ismea sottolinea che nella prima metà del 2018 l’andamento climatico anomalo registrato in tutto il Nord Europa ha compromesso i pascoli e le scorte di foraggi. In particolare, il lungo inverno e l’estate arida hanno penalizzato i principali paesi produttori: Irlanda, Germania, Inghilterra e Francia. Inoltre, l’aumento dei costi di produzione ha determinato un maggior ricorso alle macellazioni.

    A luglio crescita import carne fresca – Il calo dei listini delle carni europee di bovino adulto ha reso questi prodotti molto più competitivi rispetto a quelli italiani. Pertanto, dopo sei mesi di flessione, a luglio le importazioni di carne bovina fresca hanno registrato un incremento del 9% rispetto a luglio 2017, confermando i timori degli ingrassatori, che già da mesi avevano rallentato le operazioni di ristallo.

    Meno ristalli - Durante l’estate le operazioni di ristallo nelle stalle italiane sono state eseguite con ritmi più lenti e con cautela. Nei primi otto mesi del 2018 la percentuale dei capi importati dall’estero per l’ingrasso (che rappresentano quasi il 90% dell’offerta di vitelloni al macello) è diminuita del 7% rispetto allo scorso anno. In particolare, sono stati introdotti circa 26 mila broutards in meno. La flessione delle importazioni di “bovini vivi” registrata da Anagrafe Nazionale è pari invece allo 0,9%, ma in questo dato sono compresi i capi che vengono avviati al macello senza ulteriore fase d’ingrasso.

    Importazioni – Nonostante l’aumento degli acquisti di carne fresca registrati a luglio, nei primi otto mesi del 2018 l’import di questo prodotto ha registrato un calo dell’1,3%, mentre le importazioni di carne congelata sono aumentate del 24,6%. Complessivamente, è stato riscontrato un incremento dei volumi pari al 2,7%. In termini di spesa le importazioni di carni bovine sono cresciute del 2,9%. In questo caso, malgrado la flessione dei volumi, il trend è apparso in crescita dello 0,9% anche per la voce “fresche e refrigerate”, proprio perché vista l’ampia disponibilità di carne di bovino adulto nazionale, a essere importati sono stati i tagli di maggior pregio.

    Principali fornitori di carni bovine – Tra i maggiori fornitori, sono aumentati i volumi in arrivo di carne Irlandese, Danese, Argentina e Francese, tutte con elevati prezzi all’import. Sono diminuiti, invece, gli arrivi di carni da Polonia, Paesi Bassi, Germania, (che rimangono tuttavia da soli fornitori di quasi la metà delle carni importate). In crescita anche gli acquisti da Stati Uniti (+27%) e Australia (+64%).
    Produzione UE - Nei primi sette mesi del 2018, la produzione di carne in Europa è aumentata del 2,3% rispetto allo scorso anno. Merito soprattutto degli incrementi registrati in tutti i principali Paesi - in particolar in Polonia, Francia e Regno Unito. La produzione è in crescita anche in Italia, dove i volumi sono saliti del 4% nei primi 7 mesi, soprattutto grazie al contributo dei capi del circuito latte.

    Consumi interni – Nel periodo gennaio-settembre 2018 i consumi di carne bovina fresca delle famiglie italiane sono cresciuti dello 0,4% rispetto allo scorso anno, in corrispondenza di un aumento ben più consistente del livello di spesa, pari al 3,2% - dovuto al generale aumento dei prezzi medi.

    Prospettive future – Tra il 2018 e il 2030 la produzione Europea di carne bovina dovrebbe diminuire a causa della minor domanda interna e della riduzione delle mandrie, determinata dal rispetto degli obiettivi ambientali di riduzione delle emissioni di gas serra.

    Foto: © contrastwerkstatt - Fotolia

    red. 14-01-2019 Tag: carneboviniIsmeamercatoUnione Europeacarni bovine
Articoli correlati
  • Diete bilanciate e salute, le nuove scoperte della dietetica

    Per decenni carne e latte sono stati accusati di essere i principali nemici della salute, in particolare del cuore, a causa del loro contenuto in grassi saturi. La Società Europea di Cardiologia, nell’annuale congresso tenuto recentemente a Monaco...

    17-04-2019
  • Consumi alimentari, nel 2018 è boom delle uova

    Più uova, ma anche più carne e salumi, frutta e ortaggi. Stabile il pesce mentre scendono latte e formaggi. Il carrello della spesa cambia la sua composizione nel 2018 e si alleggerisce: a parità di prezzi, rispetto all'anno precedente,...

    15-04-2019
  • Carne bovina, in leggero aumento i consumi pro-capite

    Più carne bovina nel 2018. Secondo le rilevazioni di Ismea tre elementi hanno determinato una maggiore disponibilità di prodotto nel mercato interno: l'incremento delle importazioni di carni congelate, un maggior numero di capi destinati alla...

    13-04-2019
  • Dazi Usa su merci Ue? A rischio 2,2 miliardi di Made in Italy agroalimentare

    Pecorino Romano, olio, vino e pasta. Con i dazi minacciati dal presidente Usa Trump l'export di questi prodotti simbolo del Made in Italy potrebbe subire un duro colpo. A rischio – secondo le previsioni di Ismea – ci sono ben 2,2 miliardi di euro,...

    12-04-2019
  • Agroalimentare, record esportazioni nel 2018

    Nel 2018 le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani hanno stabilito un nuovo record: hanno raggiunto un valore di circa 41,8 miliardi di euro, registrando un aumento dell'1,2% rispetto all’anno precedente. Lo evidenzia il rapporto: “La...

    11-04-2019