Victam
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    Print

    Aumentano quotazioni di cereali e carne, scendono quelle dei prodotti lattiero-caseari

    Mercato frutta verdura %c2%a9 berc   fotolia.com

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che l'Indice Fao dei prezzi alimentari a dicembre si è attestato su una media di 161,7 punti, riportando un aumento di 0,1 punti rispetto al valore medio rivisto di novembre (pari a 161,6 punti).

    La Fao sottolinea che in tutto il 2018 l'Indice Fao dei prezzi alimentari ha raggiunto in media 168,4 punti, circa il 3,5% in meno rispetto al 2017 e quasi il 27% in meno rispetto al picco raggiunto nel 2011. Nel corso dell'ultimo anno sono aumentate le quotazioni internazionali di tutti i principali cereali, ma sono diminuite quelle delle altre derrate, soprattutto i listini dello zucchero.

    A dicembre l'Indice Fao dei prezzi dei cereali è salito dell'1,8% rispetto a novembre e del 9,6% rispetto al valore registrato nel 2017. I listini del grano e del mais sono aumentati a causa delle condizioni meteorologiche dell'emisfero meridionale, mentre le quotazioni del riso sono diminuite per il sesto mese consecutivo.

    L'Indice Fao dei prezzi della carne ha registrato un incremento dello 0,8% rispetto al mese precedente, anche se risulta più basso del 2,2% rispetto a dicembre 2017. L’aumento sarebbe dovuto alla ripresa delle quotazioni delle carni suine, sostenuta dalla forte domanda globale d'importazioni, in particolare dal Brasile.

    L'Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è invece diminuito del 3,3% rispetto a novembre, segnando il suo settimo calo mensile consecutivo. La riduzione sarebbe dovuta alla flessione delle quotazioni del burro, del formaggio e del latte intero in polvere. L'Indice è diminuito del 4,6% rispetto al 2017, a causa del calo dei prezzi di tutti i prodotti lattiero-caseari che è stato registrato durante la seconda metà dell'anno.

    L'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali a dicembre è salito dello 0,4%, mettendo fine a dieci mesi consecutivi di declino. L’aumento sarebbe merito, soprattutto, del recupero dei listini dell'olio di palma. I prezzi internazionali dell'olio di soia hanno invece continuato a scendere, per via delle ampie scorte negli Stati Uniti e della debole domanda nell'Unione Europea. Nel 2018 l’Indice è stato in media inferiore del 15% rispetto all'anno precedente, principalmente a causa del calo dei prezzi dell'olio di palma.

    Infine, l'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è sceso dell'1,9% a dicembre. La flessione sarebbe dovuta, in parte, alla rapida crescita della produzione di zucchero in India e, in parte, alla diminuzione dei prezzi internazionali del greggio - che ha ridotto la domanda di canna da zucchero per produrre etanolo ma ha fatto salire le forniture per la produzione di zucchero, in particolare in Brasile, il più grande produttore mondiale. Complessivamente nel 2018 l'Indice è diminuito di quasi il 22% rispetto al 2017.

    Foto: © berc - Fotolia.com

    redazione 18-01-2019 Tag: materie primefaocarnecerealiprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di...

    12-02-2019
  • Commodities alimentari, a gennaio quotazioni in rialzo

    Il 2019 si è aperto in modo positivo per i mercati delle materie prime alimentari: a gennaio quasi tutti i listini hanno registrato un aumento. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando...

    09-02-2019
  • Adinolfi: “Guerra dazi, Italia esposta a rischio volatilità prezzi materie prime”

    L'intesa raggiunta dai presidenti Trump e Xi Jinping all'ultimo G20 di Buenos Aires ha congelato la guerra dei dazi tra USA e Cina per 90 giorni in vista di nuovi negoziati. Un nuovo capitolo della war trade fra le due superpotenze che ha già avuto...

    04-02-2019
  • Etichette alimentari, i pilastri della sicurezza secondo Fao

    Le etichette dei prodotti alimentari sono essenziali per aiutare il consumatore ad acquistare cibi sani e sicuri. Lo evidenzia l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), che attraverso la Codex Alimentarius Commission sta...

    03-02-2019
  • Usa, l'agricoltura fa i conti con le tensioni geopolitiche

    Negli Stati Uniti il comparto agricolo dovrà fare i conti con le tensioni geopolitiche. Lo evidenzia il rapporto: “Forces That Will Shape the U.S. Rural Economy in 2019” pubblicato da CoBank, secondo cui, data la sua dipendenza dalle...

    02-02-2019