• Soia americana, il rapporto con l'Italia

    Print

    Incontro Ussec a Milano

    Soia %c2%a9 dusan kostic   fotolia

    Una delegazione di produttori statunitensi di soia è giunta in Italia per confermare la partnership commerciale tra gli Stati Uniti e il Belpaese. I rappresentanti dell’U.S. Soybean export council (Ussec) - il Comitato per l’export della soia americana, che rappresenta produttori di soia, addetti alla lavorazione, spedizionieri di materie prime, merchandiser, industrie agro-alimentari e organizzazioni agricole – sono arrivati in Italia per incontrare partner e clienti e per esprimere il grande apprezzamento degli agricoltori statunitensi per la fiducia accordata e per la volontà d’investire nella soia americana.

    L’Ussec sottolinea che l'industria statunitense della soia sta investendo molto nella ricerca sul legume. I progressi compiuti finora consentono agli Stati Uniti di soddisfare o addirittura superare le richieste dei clienti. Il Comitato evidenzia che gli Usa producono soia nutriente, di qualità e in modo altamente innovativo anche grazie all’importante supporto dei clienti italiani. La partnership per il commercio di soia tra gli Stati Uniti e l'Italia è forte, poiché diversi prodotti alimentari e mangimi si basano principalmente sulla soia. Circa il 60% della soia coltivata negli Stati Uniti viene esportata nei mercati internazionali: ciò significa che i piccoli agricoltori di soia americani dipendono fortemente dal sostegno dei mercati globali per provvedere alle loro famiglie.

    “Anno dopo anno, numerosi Paesi hanno contato sulla soia americana e, raccolto dopo raccolto, gli agricoltori americani di soia hanno rispettato l’impegno - dichiara Jim Sutter, Amministrato delegato di Ussec -. Ecco perché è importante riaffermare ai nostri clienti attuali e futuri in Italia il nostro grande apprezzamento per la loro costante collaborazione”.

    Secondo le statistiche pubblicate dalla Commissione europea a gennaio, nella seconda metà del 2018 le importazioni di soia statunitense nell'Unione Europea sono aumentate del 112% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il 75% delle importazioni proviene dagli Stati Uniti, che rappresentano il principale fornitore di soia in Europa. I paesi europei importano la soia americana fin dal 1969.

    Nel corso del 2018, l'Italia ha importato 450.000 tonnellate di soia dagli Stati Uniti (dati relativi al 13 dicembre 2018). Si tratta di un ammontare significativamente più alto di quello registrato nell'anno precedente, e questo, secondo l’Ussec, dimostra il rafforzamento dei rapporti tra i coltivatori di soia statunitensi e i clienti italiani. Alla luce di questo, i rappresentanti dell’Ussec si definiscono “entusiasti d’incontrare gli stakeholder del mondo agricolo a Milano, per discutere del mercato della soia e di come gli Stati Uniti e l'Italia possano continuare a lavorare insieme in futuro”.

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia

    red. 07-02-2019 Tag: soiaUsaitaliaUssecimportazioni
Articoli correlati
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Usa, in calo produzione di mais. Stabile quella della soia

    Negli Stati Uniti il maltempo ha rallentato la semina di mais e soia, ma ha provocato il calo della produzione soltanto nel caso del cereale. Il raccolto del legume, invece, non dovrebbe aver risentito del ritardo. Lo evidenzia il rapporto “World...

    25-06-2019
  • Marcello Veronesi: “Il 60% delle materie prime per mangimi arriva dall’estero”

    La dipendenza da materie prime alimentari importate dall’estero ha raggiunto una soglia di allarme. Le risorse interne sono infatti insufficienti per rispondere alla domanda delle aziende zootecniche: quasi il 60% dei cereali e delle farine proteiche...

    24-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019