Victam
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Print
    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas), che si è svolta dal 14 al 17 febbraio a Washington (Usa). Nel corso dell’evento, sono stati illustrati i recenti progressi scientifici ottenuti nell’ambito del settore agricolo, per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici, le minacce dei parassiti e la riduzione delle superfici coltivabili. Gli esperti hanno sottolineato che un nuovo metodo scoperto di recente renderà possibile accrescere la produzione agricola del 40% e contribuire, pertanto, a soddisfare entro il 2050 il fabbisogno di cibo della popolazione globale.

    “Le piante devono fare tre cose fondamentali per produrre il cibo che mangiamo: catturare la luce solare, usare quell'energia per produrre biomassa vegetale e destinare quanto più possibile la biomassa alla crescita dei chicchi o dei prodotti commestibili – ha spiegato il relatore Donald Ort, professore di Biologia vegetale presso il Carl R. Woese Institute for Genomic Biology di Urbana (Usa) -. Nel secolo scorso, gli agricoltori hanno cercato d’incrementare la prima e la terza fase, lasciandoci l’incarico di migliorare il processo di fotosintesi per stimolare la crescita delle colture, allo scopo di soddisfare le esigenze alimentari del 21° secolo”.

    L’esperto ha spiegato che questo compito è stato svolto con sucesso dagli scienziati dell'Università dell'Illinois di Urbana e dell'Agricultural Research Service del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), che hanno individuato una “scorciatoia fotorespiratoria” che potrebbe incrementare la resa delle colture del 40%. “È incredibile il numero di calorie perse a causa della fotorespirazione ogni anno in tutto il mondo – ha sottolineato il dottor Ort -. Riuscire a recuperare anche solo una parte di queste calorie sarebbe un enorme successo e ci consentirebbe di nutrire 9,7 miliardi di persone entro il 2050”.

    Lo scienziato stima che prima che questa tecnica venga convalidata nelle colture alimentari – finora è stata testata con successo nelle piante di tabacco, ma è già partita la sperimentazione nelle piante di soia, fagioli, riso, patate, pomodori e melanzane – e ottenga le autorizzazioni normative potranno trascorrere 15 anni o forse di più. Ma una volta concluse queste procedure, gli scienziati che l’hanno messa a punto s’impegneranno a garantirne l’accesso gratuito a tutti i piccoli agricoltori, in particolare a quelli che risiedono nell'Africa sub-sahariana e nel sud-est asiatico.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    redazione 04-03-2019 Tag: ricercaagricolturaresa colturefabbisogno alimentare
Articoli correlati
  • Pac 2021/2027, un'opportunità da non perdere

    La Politica Agricola Comune (Pac) è una delle politiche più antiche e importanti dell'Ue. Dalla sua creazione negli anni '60 ha contribuito, oltre a supportare la coesione e lo sviluppo dell’Unione europea, allo sviluppo dell'agricoltura...

    25-03-2019
  • Agroalimentare, stanziati 500 milioni di euro per le filiere italiane

    Stanziati 500 milioni di euro a favore delle filiere agricole e agroalimentari italiane. Lo comunica il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), precisando che i fondi sono destinati a sostenere diverse tipologie di...

    24-03-2019
  • Marcello Veronesi: “Prioritario il supporto a ricerca per lo sviluppo dell'agroalimentare italiano”

    "Il quadro che emerge dall'indagine di Nomisma sull'innovazione in agricoltura riafferma ancora una volta l’urgente necessità di investire di più nella ricerca. Il contributo che arriva dal progresso scientifico può essere determinante...

    21-03-2019
  • Afcc, Jacob Hansen eletto nuovo presidente

    Jacob Hansen, Direttore Generale di Fertilizers Europe, è stato eletto presidente di Agri-food chain coalition (Afcc), che rappresenta le 11 principali associazioni di settore della catena agroalimentare dell'Unione Europea. Il neo-presidente si è...

    05-03-2019
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori...

    21-02-2019