Victam
  • Sprechi alimentari: i risultati del primo rapporto dell'Osservatorio sulle eccedenze

    Print

    In Italia si perde meno cibo che in Spagna, Germania e Ungheria

    Cibo alimenti verdure.jpg

    In Italia ogni settimana vengono sprecati in media 370 grammi di cibo a famiglia. Lo rivela il rapporto: “L’Osservatorio sulle eccedenze, sui recuperi e sugli sprechi alimentari - Ricognizione delle misure in Italia e proposte di sviluppo” realizzato dal Ministero delle politiche agricole e dal Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), su richiesta del “Tavolo per la lotta agli sprechi e l'assistenza alimentare”, al quale partecipano tutti gli attori della filiera agroalimentare, le Istituzioni competenti e gli enti caritativi.

    Il rapporto rappresenta un primo bilancio degli sprechi alimentari in Italia, con particolare attenzione ai consumi domestici. Dall’indagine emerge che nel Belpaese ogni settimana si sprecano in media 370 grammi di cibo a famiglia, meno rispetto ad altri paesi europei come Spagna (534 grammi), Germania (425 grammi) Ungheria (417 grammi), ma più che in Olanda (365 grammi).

    In Europa le categorie alimentari che registrano la maggiore quantità di spreco sono: frutta fresca, pane, verdura fresca e bevande analcoliche (che comprendono il latte fresco). L’Italia si caratterizza per una maggiore propensione allo spreco di frutta e verdura fresca, ma una minore tendenza allo spreco di carne, zuppe e vellutate, bevande analcoliche, patate, yogurt, budini e merende fresche.

    Rispetto agli altri quattro paesi europei sottoposti all’indagine, si osserva che in Italia vengono buttati soprattutto prodotti completamente inutilizzati (43,2% vs 31%), mentre si riscontra una minor propensione a gettare gli avanzi del piatto (14,6% vs 20,0%) e i prodotti aperti ma non terminati perché scaduti (30,3% vs 36%).

    “Questi primi dati dimostrano un'attenzione crescente da parte dei cittadini nei confronti della tematica – sottolinea il Ministro delle politiche agricole, Gian Marco Centinaio -. Un rispetto per il cibo e per il lavoro che c'è dietro. Avere dei dati attendibili contro gli sprechi è un importante passo in avanti nella lotta a questo fenomeno, anche dal punto di vista sociale. Per questo il nostro impegno prosegue attraverso campagne di comunicazione che sono in programma per sensibilizzare il maggior numero di persone”.

    Foto: Pixabay

    redazione 20-02-2019 Tag: sprechi alimentariitaliacibo
Articoli correlati
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • UE, in vigore nuova metodologia per classificare gli scarti alimentari

    Il 6 maggio 2019 la Commissione Europea ha adottato una metodologia comune per classificare gli scarti alimentari prodotti nell'Unione Europea. L’iniziativa ha lo scopo di aiutare gli Stati membri a quantificare gli scarti alimentari in ogni fase della...

    31-05-2019
  • Uova da consumo, produzione italiana pari a quasi 1 miliardo di euro

    Nel 2018 sono stati prodotti in Italia oltre 12,2 miliardi di uova, pari a circa 772 mila tonnellate di prodotto. Lo evidenzia il rapporto: “Il comparto delle uova da consumo 2018” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato...

    29-04-2019
  • Controlli sui mangimi, conforme oltre 99% dei campioni analizzati

    Oltre il 99% dei mangimi prodotti e venduti in Italia è conforme alla normativa in materia di alimentazione animale. Lo rivela il “Rapporto sui controlli ufficiali nel settore dell'alimentazione animale eseguiti nell'anno 2017” pubblicato dal...

    28-03-2019
  • UE, nuovo metodo per misurare sprechi alimentari

    La Commissione Europea ha messo a punto una nuova metodologia per la misurazione degli sprechi alimentari in tutte le fasi della catena alimentare. Contemporaneamente alla pubblicazione del metodo, avvenuta l’8 marzo, ha avviato una consultazione aperta a...

    15-03-2019