Victam
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Print
    Agricoltura dna biotecnologia agricoltura %c2%a9 mopic   fotolia.com

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori australiani e statunitensi, e consente di traferire i geni che proteggono le piante selvatiche dagli agenti patogeni nelle colture destinate all’alimentazione di uomini e animali, come grano, soia, mais, riso e patate.

    Nel corso dello studio, pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology, gli autori hanno messo a punto una tecnica che consente d’individuare i geni responsabili della resistenza alle malattie vegetali nei “parenti” selvatici delle colture moderne, in modo da poter identificare rapidamente le sequenze genetiche associate alla capacità di combattere le patologie. Successivamente, i ricercatori possono utilizzare tecniche di laboratorio per clonare i geni e introdurli nelle migliori varietà delle colture domesticate, in modo da proteggerle dagli agenti patogeni e da parassiti come ruggine del grano, oidio e cecidomia distruttrice del grano.

    Gli scienziati spiegano di aver testato con successo AgRenSeq in un parente selvatico del grano: nel giro di pochi mesi sono riusciti a identificare e a clonare quattro geni associati alla resistenza al patogeno che provoca la ruggine del grano. Precisano che impiegando i metodi tradizionali, per compiere questo processo sarebbe servito un decennio e i costi della procedura sarebbero stati molto più elevati. Il passo successivo, spiegano, consisterà nell’utilizzare AgRenSeq per studiare i geni dei parenti selvatici di soia, piselli, cotone, mais, patate, grano, orzo, riso, banane e cacao.

    “Abbiamo trovato un modo per analizzare il genoma del parente selvatico di una coltura e individuare i geni di resistenza di cui abbiamo bisogno: e possiamo farlo in tempo record – afferma Brande B. H. Wulff, che ha coordinato la sperimentazione -. Si tratta di un processo che in passato richiedeva 10 o 15 anni ed era simile a cercare un ago in un pagliaio. Abbiamo perfezionato questo metodo in modo da poter clonare questi geni in pochi mesi e al costo di migliaia di dollari anziché di milioni di dollari”.

    Foto: © Mopic - Fotolia.com

    redazione 21-02-2019 Tag: ricercaagricolturaresistenzageniCOLTURE
Articoli correlati
  • Pac 2021/2027, un'opportunità da non perdere

    La Politica Agricola Comune (Pac) è una delle politiche più antiche e importanti dell'Ue. Dalla sua creazione negli anni '60 ha contribuito, oltre a supportare la coesione e lo sviluppo dell’Unione europea, allo sviluppo dell'agricoltura...

    25-03-2019
  • Agroalimentare, stanziati 500 milioni di euro per le filiere italiane

    Stanziati 500 milioni di euro a favore delle filiere agricole e agroalimentari italiane. Lo comunica il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), precisando che i fondi sono destinati a sostenere diverse tipologie di...

    24-03-2019
  • Marcello Veronesi: “Prioritario il supporto a ricerca per lo sviluppo dell'agroalimentare italiano”

    "Il quadro che emerge dall'indagine di Nomisma sull'innovazione in agricoltura riafferma ancora una volta l’urgente necessità di investire di più nella ricerca. Il contributo che arriva dal progresso scientifico può essere determinante...

    21-03-2019
  • Afcc, Jacob Hansen eletto nuovo presidente

    Jacob Hansen, Direttore Generale di Fertilizers Europe, è stato eletto presidente di Agri-food chain coalition (Afcc), che rappresenta le 11 principali associazioni di settore della catena agroalimentare dell'Unione Europea. Il neo-presidente si è...

    05-03-2019
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas),...

    04-03-2019