Victam
  • Ambiente, Confindustria sottoscrive la Carta per la sostenibilità nell'economia circolare

    Print
    Silos %c2%a9 fedecandoniphoto   fotolia.com

    Uno strumento per guidare il confronto tra mondo imprenditoriale e istituzioni in difesa della sostenibilità ambientale. È la Carta per la sostenibilità e la competitività delle imprese nell'economia circolare. Il documento, sottoscritto da Confindustria e altre dieci organizzazioni, detta un piano d'azione per permettere alle aziende di rispondere al meglio alle sfide ambientali e cogliere le opportunità che derivano dalla digitalizzazione dei processi produttivi e di consumo.  

    La carta, presentata il 19 febbraio alla Camera dei Deputati, è il primo passo per avazare delle proposte condivise che si trasformino poi in impegni concreti all'interno di un modello di economia circolare. Il terreno su cui dialogare con i rappresentanti istituzionali si articola in dieci punti programmatici e linee di intervento:  

    - le organizzazioni imprenditoriali chiedono che vengano risolte le criticità di tipo normativo, autorizzativo e di controllo che scoraggiano l'adozione di operazioni di riciclo e di recupero inducendo le aziende a gestire i residui di produzioni come rifiuti e non, ad esempio, come sottoprodotti; 

    - ulteriori ostacoli alle iniziative di economia circolare derivano dagli adempimenti amministrativi e dalla burocrazia che va ridotta “non nell’ottica di una deregulation ambientale”; 

    - gli investimenti per la sostenibilità devono essere incentivati rendendo più efficienti gli impianti di riciclo/recupero già esistenti, riducendo al massimo la presenza delle discariche e valutando l'opportunità di costruire nuovi impianti; 

    - la realizzazione di un'economia circolare prevede la transizione dei processi produttivi, pertanto è necessaria una strategia pluriennale che la sostenga; 

    - anche la ricerca e l'innovazione devono essere sostenute affinché tutte le aziende, dalle grandi alle medio-piccole, abbiano a disposizione tecnologie per la gestione dei rifiuti in un'ottica di riduzione dell'impatto ambientale

    - bisogna favorire lo scambio dei beni prodotti secondo i principi dell'economia circolare; 

    - incoraggiare le politiche di sostenibilità ambientale come il percorso del Green Public Procurement, l'approccio per cui le pubbliche amministrazioni tengono conto dei criteri ambientali nei processi di acquisto; particolare attenzione va riservata ai Criteri Ambientali Minimi che necessitano di revisione; 

    - la cultura della sostenibilità dev'essere diffusa al massimo, ad esempio con una efficace comunicazione, con la collaborazione di scuole e università, con la formazione in azienda; 

    - le aziende devono poter fare investimenti anche a medio-lungo termine potendo fare affidamento su contesti di maggiore certezza, su un accesso al credito agevolato e su incentivi per investimenti sostenibili. Per questo è importante consolidare la partnership pubblico-privati; 

    - anche le parti sociali devono essere coinvolte sui temi ambientali per conciliare interesse generale, opportunità economiche e occupazionali. 

    Oltre a Confindustria la Carta per la sostenibilità è stata sottoscritta da Confapi, Legacoop, Confcoperative, Confagricoltura, Confesercenti, Confcommercio, Casartigiani, Cna, Confartigianato e Confederazione libere associazioni artigiane italiane.

     

    Foto: © FedeCandoniPhoto - Fotolia

    X

    redazione 21-02-2019 Tag: Carta per la sostenibilità e la competitività delle imprese nell'economia circolareeconomia circolareconfindustriaambientesostenibilità ambientale
Articoli correlati
  • Riduzioni emissioni gas, le implicazioni di una scoperta genetica

    Una scoperta genetica potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di gas serra all’interno degli allevamenti. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista BMC Genomics dagli scienziati dell’International Center for Tropical Agriculture (Ciat) di Cali...

    09-05-2019
  • Unione Europea, nuovi regolamenti su medicinali veterinari e mangimi medicati

    Il 7 gennaio 2019 sono stati pubblicati sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea i nuovi regolamenti in materia di medicinali veterinari e mangimi medicati. Lo comunica il Ministero della Salute, evidenziando che i testi si trovano nel pacchetto...

    16-01-2019
  • Pef, Fefac sostiene proposta della Commissione Europea

    In relazione alla possibile applicazione del Pef (Product environmental footprint - Impronta ambientale del prodotto), la Federazione dei produttori europei di mangimi composti Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha espresso il proprio sostegno alla...

    10-01-2019
  • Ogm, il bilancio di vent'anni di commercio: guadagni per 190 miliardi di dollari

    Il matrimonio tra ingegneria genetica e agricoltura ha superato i vent'anni di vita. Era il 1996 quando fu autorizzata per la prima volta la coltivazione a scopi commerciali di Ogm. Da allora le colture biotech hanno fruttato a circa 17 milioni di agricoltori di...

    11-12-2018
  • I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due...

    20-10-2018