Victam
  • Frumento, costi di produzione e ricavi in chiaroscuro

    Print
    Frumento pixabay

    L'analisi dei costi di produzione e dei ricavi delle aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero evidenzia una redditività eterogenea a livello territoriale e che, a causa dei fattori climatici e di tecniche colturali non sempre adeguate, varia nel tempo. È quanto emerge dal rapporto: “I costi di produzione del frumento”, pubblicati dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), che esamina le spese e la redditività di numerose imprese agricole rappresentative del settore.

    L’indagine rileva una sostanziale differenza di redditività tra le aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero, che può essere attribuito ad almeno quattro fattori:
    - caratteristiche pedoclimatiche – che incidono sulla variazione della resa delle colture e sui quantitativi di materie prime impiegati;
    - capacità e modalità di affrontare il mercato – che influisce sui prezzi unitari per la vendita della granella e la paglia e sui prezzi per l’acquisto dei fattori produttivi;
    - contributi comunitari e nazionali (nel caso del frumento duro);
    - organizzazione aziendale e capacità di management delle imprese agricole – che incidono sulle spese relative alla manodopera, sui consumi di carburante e, indirettamente, sulla dotazione del parco macchine.

    L’Ismea precisa che i prezzi e la redditività del mercato del frumento duro differiscono da quelli del mercato del frumento tenero. Per questo motivo i due cereali sono stati analizzati separatamente.

    Frumento duro: i costi variabili vanno da un minimo di 434 euro/ha a poco più di 1.000 euro/ha, mentre i costi fissi variano da un minimo di 17 euro/ha (con utilizzo di contoterzisti), a un massimo di 740 euro/ha. I ricavi da produzione principale (esclusi quindi contributi e produzione secondaria) vanno da 660 euro/ha a 1.955 euro/ha, mentre nel caso dei contratti di coltivazione oscillano tra 880 euro/ha a 2.400 euro/ha.

    Frumento tenero: i costi variabili vanno da un minimo di 720 euro/ha un massimo di 1.050 euro/ha, mentre i costi fissi variano da un minimo di 300 euro/ha a un massimo di 728 euro/ha. I ricavi da produzione principale (esclusi contributi e produzione secondaria) oscillano invece tra 960 euro/ha a 1.600 euro/ha.

    Foto: Pixabay

    red. 09-03-2019 Tag: frumentoIsmeamercatocostiricavi
Articoli correlati
  • Colza, produzione in calo nell’UE

    Nella stagione 2019/20 la produzione di colza in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito - i principali produttori dell'UE - dovrebbe diminuire, aumentando la necessità d’importare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero. Lo sostiene Peter...

    06-03-2019
  • Agroalimentare, bando da 100 milioni per investimenti

    Stanziati 100 milioni di euro per il finanziamento di investimenti nel settore agroalimentare. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), che si occuperà di erogare i finanziamenti a tasso agevolato - pari al 30%...

    26-02-2019
  • Usa, l'agricoltura fa i conti con le tensioni geopolitiche

    Negli Stati Uniti il comparto agricolo dovrà fare i conti con le tensioni geopolitiche. Lo evidenzia il rapporto: “Forces That Will Shape the U.S. Rural Economy in 2019” pubblicato da CoBank, secondo cui, data la sua dipendenza dalle...

    02-02-2019
  • Accordo Ismea-Enm per il microcredito in ambito agricolo

    Promuovere lo strumento del microcredito agricolo come opportunità di sostegno economico e finanziario alle microimprese. È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione siglato il 30 gennaio 2019 dall'Ente nazionale per il...

    01-02-2019
  • Polizze agricole, divario tra nord e sud

    Il mercato delle assicurazioni agricole agevolate continua a mostrare un ampio divario tra nord e sud Italia. Lo evidenzia il rapporto: “La gestione del rischio nell'agricoltura del Mezzogiorno”, realizzato dall’Ismea (Istituto di servizi per...

    25-01-2019