• Usa, in calo piantagioni di soia

    Print

    Previsto aumento delle superfici destinate alla coltivazione del mais

    Grano mais soia

    Nel 2019 le piantagioni statunitensi di soia dovrebbero diminuire, mentre quelle del mais dovrebbero aumentare. Nel frattempo, le scorte del legume sono cresciute, mentre quelle del cereale sono scese. Lo evidenziano i rapporti “Prospective Plantings” e “Grain Stocks” pubblicati il 29 marzo dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda).

    Soia – L’Usda prevede che nel 2019 la superficie destinata alla coltivazione della soia dovrebbe diminuire del 5%, attestandosi a circa 84,6 milioni di acri. Le scorte del legume per il momento sono invece aumentate del 29% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, raggiungendo i 2,72 miliardi di bushel. Le riserve nelle aziende agricole (“on-farm”) sono pari a 1,27 miliardi di bushel, mentre quelle presenti nei depositi centralizzati (“off-farm”) hanno raggiunto 1,45 miliardi di bushel, registrando una crescita del 15%. Secondo le previsioni l’export del legume dovrebbe continuare a risentire delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina: anche se circolano voci su un possibile accordo commerciale tra le due nazioni, che potrebbe essere raggiunto nelle prossime settimane, secondo l’Usda gli eventuali benefici dell’intesa potrebbero non essere riscontrati durante la campagna 2018/19.

    Mais – Nel 2019 le piantagioni di mais dovrebbero aumentare del 4%, fino a raggiungere circa 92,8 milioni di acri. Nel frattempo, le scorte del cereale sono diminuite del 3% rispetto al mese di marzo 2018, fermandosi a 8,6 miliardi di bushel. Le riserve conservate nelle aziende agricole sono cresciute del 3%, arrivando a 5,13 miliardi di bushel, mentre quelle tenute nei depositi centralizzati sono calate dell'11%, fermandosi a 3,47 miliardi di bushel.

    Grano – Secondo l’Usda i terreni destinati alla semina del grano dovrebbero diminuire di circa il 4%, attestandosi a 45,8 milioni di acri. Circa 31,5 milioni di acri dovrebbero essere coltivati con il frumento invernale, 12,8 milioni di acri con quello primaverile e 1,42 milioni di acri con il grano duro. Le scorte complessive di frumento sono aumentate del 6%, fino a raggiungere 1,59 miliardi di bushel.

    red. 04-04-2019 Tag: USDAsoiamaisgrano
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Ricerca, combinazione di ginseng e sorgo rende più efficiente alimentazione avicola

    L’aggiunta del ginseng brasiliano nei mangimi a base di sorgo potrebbe rendere più efficienti gli alimenti per pollame e prolungare il periodo di conservazione delle uova. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Livestock Science dagli...

    16-07-2019
  • Usa, aumentano coltivazioni di mais. In calo quelle di soia e grano

    Nel 2019 i terreni destinati alla coltivazione del mais negli Usa dovrebbero aumentare del 2,9% rispetto al 2018, fino a raggiungere la superficie di 91.700.000 di acri. Lo evidenzia il rapporto “Acreage” pubblicato lo scorso 28 giugno dal...

    10-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Usa, in calo produzione di mais. Stabile quella della soia

    Negli Stati Uniti il maltempo ha rallentato la semina di mais e soia, ma ha provocato il calo della produzione soltanto nel caso del cereale. Il raccolto del legume, invece, non dovrebbe aver risentito del ritardo. Lo evidenzia il rapporto “World...

    25-06-2019