• Stati Uniti, in ritardo semina di mais e altri cereali

    Print

    Colpa delle cattive condizioni meteo

    Copia di agricoltura trattore cereali %c2%a9 hopsalka   fotolia

    Negli Stati Uniti le condizioni meteorologiche avverse avrebbero ritardato la semina del mais e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo evidenzia il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui le piogge e le inondazioni avrebbero costretto gli agricoltori a posticipare la semina e, in alcuni casi, a modificare i propri progetti, inducendoli a optare per colture con tempi di crescita più brevi, come la soia.

    Mais – L’Usda precisa che la semina del mais ha lo stesso ritmo registrato durante la primavera dello scorso anno, ma è rimasta indietro rispetto alla media pluriennale. Quest'anno – come nel 2018 - è stato piantato in media circa il 5% dei semi di mais nei 18 stati che producono il 92% del raccolto. I maggiori progressi sono stati rilevati in Texas, dov’è stato seminato il 57% della coltura. In altri 12 stati, invece, la semina è appena iniziata.

    Grano – La semina del frumento invernale è in ritardo sia rispetto allo scorso anno, sia rispetto alla media pluriennale. Nei 18 stati che forniscono il 90% del raccolto, finora è stato piantato solo il 6% dei semi. In compenso, l’Usda osserva che la qualità del grano invernale quest’anno dovrebbe essere superiore a quella dell’anno scorso: circa il 60% del raccolto è stato valutato come "buono o eccellente", mentre nello stesso periodo del 2018 la percentuale si fermava al 31%. In ritardo anche la semina del grano primaverile, inferiore a quella degli anni precedenti. In particolare, finora è stato piantato il 2% dei semi, mentre l’anno scorso ne era stato piantato circa il 3%.

    Sorgo – L’Usda osserva che la semina dell’orzo prosegue a un ritmo più lento di quello registrato nel 2018 e rispetto alla media pluriennale. Se l'anno scorso era stato piantato circa il 20% dei semi, quest’anno la percentuale si ferma a circa il 19%.

    Avena – La semina dell’avena procede invece a un ritmo leggermente più veloce rispetto all'anno scorso, anche se resta più lento rispetto alla media pluriennale. Finora è stato piantato circa il 40% dei semi, mentre nel 2018 la percentuale si fermava al 30%. Circa il 26% delle piantine ha iniziato a germogliare, un risultato in linea con quanto avvenuto lo scorso anno, ma in ritardo rispetto alla media stagionale.

    Orzo – Anche la superficie coltivata con l’orzo è leggermente superiore rispetto a quella dell'anno scorso, ma il ritmo della semina resta molto indietro rispetto alla media pluriennale. Quest'anno è stato piantato circa l'8% dei semi, mentre la media stagionale si attesta intorno al 19%.

    Foto: © hopsalka - Fotolia

    red. 23-04-2019 Tag: cerealiUSDAseminamaisUsagrano
Articoli correlati
  • Mais e grano duro, in aumento le importazioni nei primi mesi del 2019

    Un calo delle quantità e un corrispettivo aumento dei valori accomunano le importazioni e le esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nei primi mesi del 2019 in Italia. Il Paese si conferma importatore di mais e grano duro mentre fa segnare...

    21-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Rete Qualità Mais: micotossine in mais nella campagna 2018

    Il mais è una coltura chiave per il sistema agroalimentare italiano; è elemento portante per l’alimentazione del patrimonio zootecnico, essenziale per quasi tutte le produzioni DOP, simboli del made in Italy alimentare nel mondo. Nonostante...

    26-07-2019
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019