• Condivisione dati agricoli, anche Climmar e AnimalhealthEurope aderiscono al Codice di condotta

    Print
    Computer dati pixabay

    A un anno di distanza dalla sua pubblicazione, avvenuta il 23 aprile 2018, l’“EU Code of conduct on agricultural data sharing - il codice di condotta congiunto dell'Unione Europea sulla condivisione dei dati agricoli - ha ricevuto l’appoggio anche del Centre de liaison international des marchands de machines agricoles et des reperateurs (Climmar) e di AnimalhealthEurope. Lo comunica la Fefac (European feed manufacturers' federation), precisando che tutti i firmatari sono convinti della necessità di accrescere la condivisione dei dati nel settore agricolo e dell'importanza di stabilire principi e linee guida trasparenti per sostenere lo sviluppo dell'agricoltura digitale.

    I firmatari del Codice reputano che per trarre pienamente vantaggio dall'agricoltura digitale, i dati debbano essere condivisi da tutti i partner della catena agroalimentare in modo equo e trasparente. Riconoscono, inoltre, la necessità di garantire al creatore dei dati un ruolo guida nel controllo dell'accesso e dell'uso delle informazioni digitali. Ciò significa che i diritti sulle informazioni raccolte nell'azienda agricola o durante le operazioni agricole spettano all'agricoltore e possono essere utilizzati nel modo in cui ritiene più opportuno.

    Il Codice è stato presentato da Copa e Cogeca, Cema, Fertilizers Europe, Ceettar, Ceja, Ecpa, Effab, Fefac ed Esa. Climmar (l’associazione europea dei concessionari di macchine e attrezzature agricole) e AnimalhealthEurope (l’associazione europea dei produttori di farmaci veterinari, vaccini e altri prodotti per la salute animale) hanno deciso di mostrare il loro sostegno al Codice diventando gli ultimi firmatari. “Il Codice di condotta è estremamente importante per i concessionari europei di macchine e attrezzature agricole – spiega Gerard Heerink, rappresentante di Climmar -, perché stimola e sostiene la trasparenza nell'accesso e nell'utilizzo dei dati da parte dei diversi operatori della catena alimentare e agricola e contribuisce, pertanto, allo sviluppo di un'agricoltura sostenibile e intelligente”.

    “La tecnologia attuale e in via di sviluppo ha la potenzialità di migliorare la nostra capacità d’individuare e trattare le malattie animali prima che diventino epidemie e possano costare la vita a migliaia di capi, danneggiando seriamente i mezzi di sostentamento degli agricoltori – aggiunge Roxane Feller, Segretario generale di AnimalhealthEurope -. Rilevare i primi segni della malattia attraverso il monitoraggio continuo del bestiame secondo standard di benessere che prevedono la misurazione dei segni vitali degli animali in modo coerente e oggettivo per tutta la vita, consente d’identificare le prime manifestazioni di cambiamento. Questo a sua volta aiuta a mantenere le fattorie libere dalle malattie e a proteggere l’approvvigionamento alimentare, oltre a massimizzare l'efficienza dei mangimi e di altre risorse”.

    Foto: Pixabay

    redazione 01-05-2019 Tag: agricoltura digitaledati agricoliUnione Europeatrasparenzasalute animale
Articoli correlati
  • Ue al primo posto nel mondo per export agroalimentare

    Nonostante una leggerissima flessione, l’Unione europea mantiene il primato nel mercato mondiale delle esportazioni di prodotti agroalimentari. Il volume di merci esportate ha raggiunto il valore di 138 miliardi di € nel 2018 come riferisce la...

    08-09-2019
  • Agricoltura e zootecnia, con hard Brexit in Italia 9 mila posti di lavoro in meno

    L’uscita senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea avrà ripercussioni sul Pil e sull’occupazione in molti settori degli altri Paesi europei. Tra questi anche l’agricoltura e la zootecnia nelle quali l’Italia...

    23-08-2019
  • Agea, Andrea Comacchio è il nuovo direttore

    L’Agea, l’Agenzia per le Erogazioni in agricoltura, ha un nuovo direttore. Il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio ha nominato Andrea Comacchio al vertice dell’organismo. Il suo mandato...

    16-08-2019
  • Dall’Unione europea nuovi aiuti per il comparto avicolo

    Più di 30 milioni di euro per il settore avicolo colpito dall'aviaria. Da Bruxelles il Comitato di gestione ha approvato nuovi aiuti per la filiera di uova e carni bianche in Italia. Le misure accordate dall'Unione europea, per un ammontare complessivo di...

    20-07-2019
  • Sanità animale, IZS di Palermo nominato Centro di coordinamento scientifico Remesa

    La sede di Palermo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia è stata scelta come Centro di coordinamento scientifico e tecnico del Remesa (Réseau Méditerranéen de Santé Animale). Lo comunica il Ministero...

    09-07-2019