• UE, in vigore nuova metodologia per classificare gli scarti alimentari

    Print
    Alimenti %c2%a9 giuseppe porzani   fotolia

    Il 6 maggio 2019 la Commissione Europea ha adottato una metodologia comune per classificare gli scarti alimentari prodotti nell'Unione Europea. L’iniziativa ha lo scopo di aiutare gli Stati membri a quantificare gli scarti alimentari in ogni fase della filiera alimentare, come previsto dalla nuova direttiva europea 2018/851 sui rifiuti, pubblicata nel maggio 2018, che prevede che gli Stati membri debbano misurare con un metodo comune e su base annuale i progressi compiuti nella riduzione degli sprechi alimentari.

    Le sostanze destinate a essere impiegate come ingredienti per mangimi, come gli ex-prodotti alimentari, sono escluse dall’applicazione della direttiva e pertanto non dovranno essere sottoposte alla misurazione obbligatoria dei rifiuti alimentari. Per migliorare la comprensione degli aspetti relativi alle materie prime da utilizzare nella produzione di alimenti per animali e alle misure dirette a prevenire gli sprechi alimentari, gli Stati membri hanno la possibilità, su base volontaria, di fornire informazioni sull'uso degli ex- alimenti nei mangimi.

    “Era già chiaro che il processo di trasformazione degli ex-alimenti dovesse far parte della soluzione nella lotta contro lo spreco di cibo – afferma Paul Featherstone, Presidente dell’Effpa (European Former Foodstuff Processors Association) -. L'obbligo per gli Stati membri di fornire informazioni sulle statistiche relative ai rifiuti alimentari e di attuare piani nazionali di prevenzione degli sprechi alimentari, dovrebbe incentivare gli operatori che si occupano di produzione alimentare e di vendita al dettaglio a prendere in considerazione la trasformazione degli ex-alimenti e a non scegliere più di utilizzarli per produrre bioenergia, perché in tal caso questi prodotti verrebbero chiaramente considerati rifiuti alimentari”.

    In occasione del 6° incontro della Piattaforma dell’UE sulle perdite e gli sprechi alimentari, la Commissione Europea ha chiarito che le misure dirette a prevenire gli sprechi alimentare non comporteranno in alcun modo un aumento dei rischi per la sicurezza di alimenti e mangimi. "L'Unione Europea è una superpotenza in materia di sicurezza alimentare e di salute degli animali – ha affermato Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione Europea -. I nostri cittadini non si aspettano di meno e questo dev’essere sempre garantito”.

    Foto: © Giuseppe Porzani - Fotolia

    redazione 31-05-2019 Tag: sprechi alimentariex-alimentimangimisicurezza alimentareCommissione europea
Articoli correlati
  • Rinnovato il Comitato tecnico per la nutrizione e la sanità animale

    Nuova composizione per il Comitato tecnico per la nutrizione e la sanità animale. Con il decreto del 7 agosto scorso il ministro della Salute Giulia Grillo ne ha rinnovato la costituzione. Del comitato fanno parte 43 membri designati dal ministro e 41...

    22-08-2019
  • Mais e grano duro, in aumento le importazioni nei primi mesi del 2019

    Un calo delle quantità e un corrispettivo aumento dei valori accomunano le importazioni e le esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nei primi mesi del 2019 in Italia. Il Paese si conferma importatore di mais e grano duro mentre fa segnare...

    21-08-2019
  • Paraffine negli alimenti, Efsa sollecita l’invio di commenti al suo parere scientifico

    Fino al 17 settembre sarà possibile inviare dei commenti all’Efsa sul suo parere scientifico relativo ai rischi per la salute di uomo e animali per la presenza di paraffine in alimenti e mangimi. L’Autorità europea per la Sicurezza...

    08-08-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019