Victam
  • Mangimi, 80% delle fonti proteiche è di origine europea

    Print

    Pubblicato il rapporto “Bilancio sulle proteine del mangime per il 2017/18”

    Cereali mangimi silos %c2%a9 gina sanders   fotolia.com

    L'80% degli ingredienti dei mangimi utilizzati negli allevamenti dell’UE è di origine europea. Lo evidenzia il rapporto “Bilancio sulle proteine del mangime per il 2017/18”, pubblicato il 20 maggio dalla Commissione Europea, che per la prima volta include i dati sul foraggio grezzo.

    Il documento, che descrive la provenienza degli ingredienti utilizzati nella produzione di alimenti per animali, sottolinea che circa l'80% delle fonti proteiche impiegate nella produzione di mangimi proviene dall’Unione Europea. Il foraggio grezzo, come l'erba e l’insilato di mais, rappresenta la principale fonte di proteine all’interno dei mangimi, e costituisce il 45% dell’uso totale di mangimi nell'UE, collocandosi prima dei semi oleosi (26%) e dei cereali (24%).

    Il rapporto analizza, in particolare, la fornitura, la domanda e il commercio di varie fonti proteiche: colture (cereali, semi oleosi, legumi), co-prodotti (farina di semi e altri prodotti ricchi di proteine che derivano dalla trasformazione delle colture), fonti non vegetali (proteine animali, ex-alimenti) e foraggio (erba, insilato di mais, leguminose foraggere). Dall’indagine emerge che il tasso di autosufficienza dell’Unione Europea per il mangime LowPRO (contenuto proteico inferiore al 15%) è pari al 97%; per il mangime MiddlePRO (contenuto proteico compreso tra il 15 e il 30%) è pari al 75%; per il mangime HiPRO (contenuto proteico compreso tra il 30 e il 50%) è pari al 29% e per il mangime SuperPRO (contenuto proteico superiore al 50%) è pari al 92%. Complessivamente, circa l'80% delle fonti proteiche utilizzate per produrre i mangimi nell’UE è di origine europea. La dipendenza dall'estero è dovuta principalmente alle importazioni necessarie per produrre i mangimi High-pro.

    L’elaborazione del rapporto è il risultato dello sforzo congiunto della Commissione Europea e delle associazioni del settore (Coceral, Copa-Cogeca, Eda, Efpra, Epure, Fediol, Fefac, Starch Europe e altri). In particolare, Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha fornito dati sui livelli di proteina grezza presenti in alcuni ingredienti (come gli ex-prodotti alimentari) e promuove l'inclusione della classificazione delle fonti per mangimi in base ai livelli di proteine. La Commissione Europea ha, infine, aggiornato i rapporti pubblicati nel corso delle campagne precedenti, a partire dal 2011/12.

    Foto: © Gina Sanders - Fotolia

     

    red. 27-05-2019 Tag: mangimiproteinefonti proteicheFEFACUE
Articoli correlati
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019
  • 60° anniversario Fefac, focus su fonti proteiche e cambiamenti climatici

    Per celebrare il suo 60° anniversario, Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha organizzato l’evento “Resource efficiency champions of the food chain for 60 years”, che si è svolto il 6 giugno a Bruxelles (Belgio) e si...

    15-06-2019
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019
  • Fefac, il valore dei co-prodotti per l’industria mangimistica

    Oltre a fornire benefici economici e ambientali, l’uso dei co-prodotti nella produzione di alimenti per animali è un esempio del ruolo svolto dai produttori europei di mangimi composti nell'ambito dell’economia circolare. Lo sottolinea la...

    12-06-2019
  • Porti italiani, un’infrastruttura da riformare

    La rete portuale da sempre riveste un ruolo di primaria importanza all’interno dell’economia italiana, un’economia con una forte vocazione all’export. L’Italia, come ha rilevato l’Istat, nel 2017 ha visto incrementare il...

    10-06-2019