• Fefac, il valore dei co-prodotti per l’industria mangimistica

    Print
    Mucche bovini %c2%a9 sven grundmann fotolia.com

    Oltre a fornire benefici economici e ambientali, l’uso dei co-prodotti nella produzione di alimenti per animali è un esempio del ruolo svolto dai produttori europei di mangimi composti nell'ambito dell’economia circolare. Lo sottolinea la Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) nel documento: “Co-products, an essential part of animal nutrition”, che si prefigge di migliorare la conoscenza dei soggetti interessati e dei responsabili politici dell'Unione Europea sull'ampio uso di co-prodotti da parte dell'industria mangimistica.

    La pubblicazione sarà distribuita durante la conferenza “Resource efficiency champions of the food chain for 60 years”, organizzata da Fefac per il prossimo 6 giugno a Bruxelles (Belgio) in occasione del suo 60° anniversario. Il testo descrive il ruolo che co-prodotti come i cereali utilizzati nella produzione della birra, la polpa della barbabietola da zucchero e la crusca di frumento generati durante la produzione di alimenti e biocarburanti, possono svolgere nella realizzazione dei mangimi composti. L’usa dei co-prodotti da parte dell’industria mangimistica, spiega Fefac, può arrecare significativi vantaggi in termini ambientali ed economici.

    “Un punto di forza dell'industria mangimistica europea è rappresentato dalla sua capacità e dalle sue conoscenze che permettono di convertire in totale sicurezza i co-prodotti in mangimi nutrienti – spiega Nick Major, Presidente di Fefac -. Tuttavia, dovrebbe esserci maggiore consapevolezza del fatto che l'uso di questi co-prodotti ottenuti durante la produzione di alimenti, bevande e biocarburanti svolga un ruolo fondamentale nella prevenzione dei rifiuti alimentari e contribuisca a ridurre significativamente l'impatto ambientale della produzione dei mangimi composti industriali e del comparto zootecnico”.

    Fefac: © Sven Grundmann - Fotolia

    red. 12-06-2019 Tag: mangimi compostiFEFACco-prodottiscarti alimentari
Articoli correlati
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Fefac- Afia, accordo per rafforzare sicurezza e sostenibilità della produzione di mangimi

    Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) e Afia (American Feed Industry Association), le federazioni dei produttori europei e statunitensi di mangimi composti, hanno siglato un accordo volto a rafforzare la loro collaborazione in materia di comunicazione,...

    30-06-2019
  • 60° anniversario Fefac, focus su fonti proteiche e cambiamenti climatici

    Per celebrare il suo 60° anniversario, Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha organizzato l’evento “Resource efficiency champions of the food chain for 60 years”, che si è svolto il 6 giugno a Bruxelles (Belgio) e si...

    15-06-2019
  • Mangimi, 80% delle fonti proteiche è di origine europea

    L'80% degli ingredienti dei mangimi utilizzati negli allevamenti dell’UE è di origine europea. Lo evidenzia il rapporto “Bilancio sulle proteine del mangime per il 2017/18”, pubblicato il 20 maggio dalla Commissione Europea, che per la...

    27-05-2019