• Sanità animale, IZS di Palermo nominato Centro di coordinamento scientifico Remesa

    Print
    Ricerca %c2%a9 sergey nivens   fotolia.com

    La sede di Palermo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia è stata scelta come Centro di coordinamento scientifico e tecnico del Remesa (Réseau Méditerranéen de Santé Animale). Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che la nomina è stata approvata dalla riunione dei Capi dei servizi veterinari dei paesi dell’area del Mediterraneo, durante la riunione che si è tenuta lo scorso 26 giugno al Cairo, sotto la co-presidenza di Egitto e Cipro.

    Il Remesa è stato costituito dai paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo per garantire la prevenzione coordinata e armonizzata delle malattie animali, emergenti o consolidate, allo scopo d’incrementare e salvaguardare lo stato di salute nell’area mediterranea. Il suo obiettivo è quello di rafforzare la collaborazione tra gli stati membri per migliorare la diagnostica precoce, la sorveglianza epidemiologica e la lotta alle principali malattie transfontaliere. Negli ultimi cinque anni si è occupato in modo specifico del controllo e della prevenzione delle malattie animali, con particolare attenzione a quelle che potrebbero avere un impatto pericoloso sull’economia dei paesi membri del Remesa.

    Il Ministero della Salute evidenzia che l’Italia, dopo aver superato la forte resistenza di alcuni paesi concorrenti, è riuscita a ottenere che una sede operativa fosse situata presso l’IZS della Sicilia. Grazie a questo successo, la sede palermitana potrà “giovarsi di un contesto internazionale di altissimo livello grazie alla cooperazione di esperti nel settore della sanità animale provenienti dalle istituzioni scientifiche dei vari Stati Membri”. Nello specifico, il Centro di coordinamento si occuperà dello sviluppo delle attività individuate a livello strategico dai Capi dei servizi veterinari e dal Segretariato Fao/Oie del Remesa, dell’identificazione degli orientamenti strategici, della validazione dei piani di lavoro pluriennali e del controllo dei risultati.

    Foto: © Sergey Nivens - Fotolia

    red. 09-07-2019 Tag: salute animaleIZS di PalermoRemesa
Articoli correlati
  • Ifif e Oie, insieme per promuovere salute e benessere animale

    La corretta alimentazione è essenziale per promuovere la salute e il benessere degli animali. Lo ha affermato la Federazione internazionale dell'industria mangimistica (Ifif) in occasione dell’87ª Sessione dell’Assemblea generale...

    14-06-2019
  • Oie, al via iniziativa globale per fermare peste suina africana

    Per frenare la diffusione della peste suina africana, l'Organizzazione mondiale della sanità animale (Oie) ha lanciato un'iniziativa globale diretta a rafforzare i controlli, ridurre le perdite economiche per gli allevamenti di maiali ed eradicare la...

    05-06-2019
  • Salmonellosi negli avicoli, al via piano nazionale di controllo

    È stato pubblicato il nuovo “Piano nazionale di controllo delle salmonellosi negli avicoli 2019-21”, che ha precedentemente ricevuto l’approvazione della Commissione Europea. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che il...

    30-05-2019
  • Ricetta veterinaria elettronica, superate 585mila prescrizioni

    A distanza di un mese dall’entrata in vigore delle disposizioni in materia di tracciabilità dei medicinali veterinari, sono state compilate 586.000 ricette elettroniche. Lo comunica il Ministero della Salute, precisando che dall’avvio della...

    26-05-2019
  • Antimicrobico-resistenza, azione immediata delle Nazioni Unite

    L’antimicrobico-resistenza è responsabile di 700mila decessi l’anno e può essere sconfitta solo attraverso un'azione immediata, coordinata e ambiziosa. Lo sostiene il rapporto “No Time to Wait: Securing the future from...

    07-05-2019