• Estate, vietato trasporto animali sopra i 30°C

    Print
    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    Se la temperatura supera i 30°C, il trasporto di animali vivi è vietato. Lo comunica il Ministero della Salute precisando che, per garantire il benessere del bestiame, durante l’estate occorre programmare in modo adeguato la movimentazione dei capi d’allevamento su lunghe distanze.

    La Direzione della sanita animale e dei farmaci veterinari del ministero (Dgsaf) del Ministero evidenzia che il Regolamento (CE) n.1/2005 impone “l’obbligo di garantire la salute durante gli spostamenti nei mesi più caldi, pianificando correttamente e adeguatamente i viaggi più lunghi, via terra o via mare, sia attraverso l’Unione che verso Paesi Terzi”. Di conseguenza, prima di autorizzare lunghi viaggi di animali vivi, i Servizi veterinari competenti devono valutare attentamente i seguenti aspetti:
    - temperature eccessivamente elevate;
    - idoneità degli animali a essere trasportati;
    - stato fisiologico;
    - densità del carico;
    - quantità e qualità della lettiera;
    - rispetto delle soste e dei tempi di riposo, di abbeverata e di alimentazione.

    Nei casi in cui le temperature lungo il tragitto e in partenza dall’Italia fossero ritenute superiori ai 30°C, i trasporti non potranno essere autorizzati. Per questo motivo, gli spostamenti devono essere pianificati durante le ore più fresche della giornata, possibilmente nelle ore notturne. Inoltre, occorre tenere in considerazione diversi fattori, come l’effettiva necessità di una partenza immediata, le temperature previste lungo il tragitto e all’interno del mezzo di trasporto e gli eventuali blocchi effettuati da altri Stati Membri sul proprio territorio a causa del caldo eccessivo. Allo stesso modo, anche l’organizzazione dei viaggi via mare - anche tra Paesi dell’Unione - dovrà essere adeguatamente pianificata, così come le necessarie soste, la scelta degli orari delle navi e dei porti d’imbarco.

    Infine, la Dgsaf invita a prestare attenzione agli orari di apertura dei posti di controllo negli altri Stati Membri e, nel caso sia necessario usufruirne, alla preventiva prenotazione di quello presso il Posto di Ispezione Frontaliera in uscita dal territorio bulgaro. Il Regolamento (CE) n.1/2005 non si applica al trasporto degli animali da compagnia. Tuttavia, la Dgsaf ricorda che oltre al rispetto delle norme sanitarie sull’applicazione del microchip e sul rilascio del passaporto, se si sceglie di viaggiare nelle ore più calde resta l’obbligo di tutelare la salute dell’animale e di garantirne il benessere.

    Foto: © candy1812 - Fotolia

    redazione 07-07-2019 Tag: trasportoanimaliallevamentoestate
Articoli correlati
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Uova, come aumentare la presenza di vitamina D

    Esporre il pollame alla luce UV per 6 ore al giorno potrebbe accrescere la presenza di vitamina D nelle uova di 3-4 volte. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Poultry Science dai ricercatori della Martin Luther University Halle-Wittenberg di Halle...

    11-07-2019
  • Trasporto animali d’allevamento, nuove app per compilare online modello 4

    L’utilizzo di nuove applicazioni per tablet e smartphone consentirà di semplificare le procedure di compilazione del modulo obbligatorio per la movimentazione degli animali d’allevamento. Le app, volute dal Ministero della Salute e realizzate...

    29-06-2019
  • Il ruolo della genomica nella zootecnia del futuro

    La genomica potrebbe svolgere un ruolo fondamentale per lo sviluppo della zootecnia in futuro, aiutando a soddisfare il fabbisogno alimentare di una popolazione globale in continua crescita e, nel contempo, a migliorare il benessere del bestiame. Lo affermano...

    11-06-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019