• Commercio estero: alimentare voce primaria del Made in Italy

    Print
    Made in italy alimentare

    L'alimentare registra una storica crescita, diventando primaria voce del Made in Italy”. Ha commentato così Filippo Ferrua Magliani, presidente di Federalimentare, il piano nazionale dell'export 2013-2015 presentato a Roma il 16 gennaio da Riccardo Monti, il presidente della nuova agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane (Ice). Secondo Ferrua il piano triennale pone “lo sviluppo del settore alimentare in primissimo piano negli sforzi di promozione commerciale che attendono il paese”.

     

    Le cifre parlano chiaro: nel 2012 l'export è aumentato dell'8% rispetto al 2011, raggiungendo la quota complessiva di 25 miliardi di euro che, secondo le previsioni Ice, passeranno a 32,1 miliardi nel 2015. “Malgrado la polverizzazione del settore – ha precisato Ferrua - le performance dell'industria alimentare sono state brillanti soprattutto fuori della Unione Europea, in paesi emergenti quali gli Emirati Arabi Uniti (+44,5%), Messico (+36,4%), Thailandia (+32,4%), Arabia Saudita (+30,8%), Cina (+23,4%), Corea del Sud (+22,3%), Giappone (+21,4%), Hong Kong (+19,9%) e Ucraina (+17,5%)”.

    s.s. 17-01-2013 Tag: made in Italyferruafederalimentareindustria alimentareexport
Articoli correlati