• Ricerca e agroalimentare: studio evidenzia gli effetti anti-colesterolo del formaggio

    Print
    Mucche

     

    Trasferire le buone pratiche produttive a tutti i produttori del settore. In tale direzione vogliono andare una serie di attività di alta formazione, condotte su un pubblico trasversale di produttori, ristoratori, commercianti e giovani diplomati, realizzate in collaborazione con la Comunità Montana della Val Brembana, grazie al progetto “Cluster di eccellenza”, finanziato dalla Regione Lombardia
    Il primo risultato, che sarà illustrato il 24 maggio presso l'Istituto Giulio Natta di Bergamo è una ricerca scientifica condotta su un campione di vari tipi di formaggi. Oggetto dello studio, condotto dall'Università di Pavia e dall'Università  Statale di Milano, è stata la valutazione delle proprietà  antiossidanti individuate nelle produzioni lattiero-casearie tipiche della montagna lombarda. 
    L'indagine è stata effettuata su 30 formaggi prodotti in Val Brembana, valle in provincia di Bergamo tradizionalmente votata alla produzione casearia, suddivisi in 3 tipologie (caprini, stracchini e Formai de Mut dell'Alta Valle Brembana DOP, un formaggio tipico della zona). 
    Le proprietà antiossidanti, riscontrate in parte dei campioni analizzati, sono probabilmente riconducibili all'alimentazione degli animali. Non solo, come effetto collaterale della ricerca è emerso che il consumo di alcuni formaggi abbassa il livello di colesterolo nel sangue, contrariamente all'opinione comune diffusa. I risultati positivi hanno dimostrato la tesi di partenza, che riconosce al consumo di formaggi proprietà salutistiche inaspettate e di straordinaria portata. Lo studio ha evidenziato proprietà anticolesterolo:  quando il latte prodotto è ricco di fitosteroli, molecole a cui si attribuisce la capacità di ridurre il colesterolo riscontrata nei formaggi analizzati, i livelli del colesterolo “buono” sono maggiori.
    Obiettivo dell'indagine scientifica condotta sui formaggi è stato quello di determinare l'esistenza in questi prodotti di specifiche molecole in grado di distruggere i radicali liberi, con riduzione conseguente dello stress ossidativo. 

    Trasferire le buone pratiche produttive a tutti i produttori del settore. In tale direzione vogliono andare una serie di attività di alta formazione, condotte su un pubblico trasversale di produttori, ristoratori, commercianti e giovani diplomati, realizzate in collaborazione con la Comunità Montana della Val Brembana, grazie al progetto “Cluster di eccellenza”, finanziato dalla Regione Lombardia. Il primo risultato, che è stato illustrato il 24 maggio presso l'Istituto Giulio Natta di Bergamo, è una ricerca scientifica condotta su un campione di vari tipi di formaggi. Oggetto dello studio, condotto dall'Università di Pavia e dall'Università  Statale di Milano, è stata la valutazione delle proprietà  antiossidanti individuate nelle produzioni lattiero-casearie tipiche della montagna lombarda. L'indagine è stata effettuata su 30 formaggi prodotti in Val Brembana, valle in provincia di Bergamo tradizionalmente votata alla produzione casearia, suddivisi in 3 tipologie (caprini, stracchini e Formai de Mut dell'Alta Valle Brembana DOP, un formaggio tipico della zona). 


    Le proprietà antiossidanti, riscontrate in parte dei campioni analizzati, sono probabilmente riconducibili all'alimentazione degli animali. Non solo, come effetto collaterale della ricerca è emerso che il consumo di alcuni formaggi abbassa il livello di colesterolo nel sangue, contrariamente all'opinione comune diffusa. I risultati positivi hanno dimostrato la tesi di partenza, che riconosce al consumo di formaggi proprietà salutistiche inaspettate e di straordinaria portata. Lo studio ha evidenziato proprietà anticolesterolo:  quando il latte prodotto è ricco di fitosteroli, molecole a cui si attribuisce la capacità di ridurre il colesterolo riscontrata nei formaggi analizzati, i benefici per cuore e arterie sono maggiori. Obiettivo dell'indagine scientifica condotta sui formaggi è stato quello di determinare l'esistenza in questi prodotti di specifiche molecole in grado di distruggere i radicali liberi, con riduzione conseguente dello stress ossidativo. 

     

    Redazione 03-06-2013 Tag: bovinilattiero-caseariolatteformaggi
Articoli correlati
  • Latte, rialzo dei prezzi in Europa

    A partire da giugno, ogni mese il prezzo del latte alla stalla in Europa e in Italia ha registrato un lieve aumento. Tuttavia, si mantiene significativamente al di sotto rispetto ai livelli dello scorso anno. È quanto emerge dal rapporto: “Lattiero...

    28-10-2018
  • Bovini, come eliminare la dermatite nodulare contagiosa

    Ora che i focolai nell’Europa sud-orientale sono stati contenuti, occorre individuare le strategie più efficaci per eliminare la dermatite nodulare (Lsd) nei bovini. Lo sostiene l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che nel...

    25-10-2018
  • Il comparto carni in Italia: bilancio del 1° quadrimestre 2018

    La recente disponibilità da parte dell'Istat dei risultati riferiti al 1° quadrimestre 2018 sulle macellazioni a carni bianche e rosse, nonché sul commercio estero di carni e animali vivi, consente di tracciare un primo bilancio parziale e...

    06-10-2018
  • I formaggi hanno più di settemila anni

    Gli umani hanno iniziato a mangiare il formaggio più di 7mila anni fa. Lo rivela uno studio pubblicato su Plos One dai ricercatori dell’Università statale della Pennsylvania di University Park (Usa), che hanno ritrovato tracce di prodotti...

    12-09-2018
  • Sfatato mito: latte e latticini non fanno male al cuore

    Bere latte intero e mangiare yogurt e formaggi non mette in pericolo cuore e vasi sanguigni. Da una ricerca pubblicata su American Journal of Clinical Nutrition non è emersa infatti alcuna correlazione tra l'assunzione dei grassi contenuti nel latte e nei...

    14-07-2018